Menu Orizzontale

(highlights) Juventus - Napoli 1-0. Napoli "jellato". Il jolly è bianconero. Blasi manda ko i ragazzi di Reja.


(Il gol di Marchisio, che consente alla Juventus di battere il Napoli)

Juventus (4-4-2): Buffon; Grygera, Legrottaglie (28'st Mellberg), Chiellini, Molinaro; Marchionni, Poulsen, Marchisio, Giovinco (18'st Saliahmidzic); Trezeguet, Del Piero (23'st Amauri). A disposizione: Manninger, Sissoko, Tiago, Iaquinta. All.: Ranieri.
Napoli (3-5-2): Navarro; Santacroce, Cannavaro, Contini; Montervino (1'st Datolo), Pazienza (32'st Russotto), Blasi, Hamsik, Vitale (32'st Aronica); Denis, Lavezzi. A disposizione: Bucci, Rinaudo, Maggio, Bogliacino.
Arbitro: Ayroldi di Molfetta (Maggiani, Pirondini).
Marcatori: 44'pt Marchisio (J).

Un gol, o meglio un tiro di Marchisio, senza troppe pretse, deviato da Blasi, che spiazza l'argentino Navarro, tra i migliori in campo, consente alla Juventus di battere il Napoli, al termine di una gara che ha tradito le attese della vigilia. Finisce uno a zero il secondo posticipo, e ora l'undici di Ranieri è momentaneamente a meno sei dall'Inter, ma occorre aspettare il big match di domani sera, tra i nerazzurri e la Roma di Spalletti. Ritornando alla partita appena conclusa, è stato un match bruttino, specialmente nella ripresa, nella quale si registra poco calcio e tanti calci, soprattutto nel finale (teso) di partita. Meglio la prima parte dell'incontro, nella quale si sono viste belle azioni, create dai bianconeri, con Del Piero e Trezeguet, ma sventate alla grande da Navarro. La prestazione del portiere è l'unica nota positiva di un'altra serata da dimenticare per i partenopei (sesta sconfitta nelle ultime otto partite). Se ci si mette anche la sfortuna, allora è veramente un guaio. E domenica, al San Paolo, è in arrivo la Lazio di Zarate.
Read More

(highlights) Lazio - Bologna 2-0. Zarate torna al gol dopo due mesi e i biancocelesti volano. Di Vaio a secco.


(La doppietta di Zarate che ha steso il Bologna)

Lazio (4-4-2): Muslera; De Silvestri, Siviglia, Cribari, Kolarov; Brocchi (35' st Manfredini), Ledesma, Matuzalem (29' st Dabo), Foggia; Zarate, Pandev (23' st Rocchi). In panchina: Carrizo, Rozenhal, Radu, Mauri. All. Rossi.
Bologna (4-5-1): Antonioli; Belleri, Terzi, Britos, Lanna; Valiani (1' st Marazzina), Mingazzini, Mudingayi (35' st Coelho), Volpi, Rodriguez (1' st Mutarelli); Di Vaio. In panchina: Colombo, Zenoni, Castellini, Amoroso. All. Mihajlovic.
Arbitro: Russo
Marcatori: 35' e 36' st Zarate (L)

Era da dicembre che non riassaporava la gioia del gol. Troppo per il cannoniere argentino che aveva strabiliato tutti per la grandiosa prima parte di stagione. Mauro Zarate ne segna ben due, contro il Bologna (priumo anticipo della 26esima giornata), e regala la seconda vittoria consecutiva ad una Lazio che, pian piano, sta riacquistando lo smalto di qualche mese fa. Dapprima, l'attaccante fa secco Antonioli con una stupenda punizione al 35' del primo tempo, successivamente, invece, con un destro che anticipa l'estremo difensore rossoblu in uscita al 36' della ripresa. Per il resto, partita con poche emozioni da raccontare. Rossoblù deludenti, e neanche Di Vaio riesce a pungere la retroguardia biancoceleste. Ormai, manca da un mese la vittoria in casa dei felsinei. Come a dire, una squadra esce dalla crisi (la Lazio), e un'altra vi entra ufficialmente (il Bologna).
Read More

Catania - Palermo. Lo Monaco accende il derby: "Il Palermo è superiore? Lo vedremo".

Il Massimino si prepara ad ospitare il Palermo, in un derby che si preannuncia infuocato. Le dichiarazioni rosanero di una presunta "superiorità", rilasciate alla vigilia, non sono piaciute ai catanesi, e l'Ad etneo Lo Monaco non ha esitato a rispondere ai "cugini" palermitani. Scintille da derby.

"Un derby è un derby": Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania, guarda cosi' alla sfida con il Palermo, che domani avrà come palcoscenico il Massimino, campo amico della compagine etnea. Con la squadra in silenzio stampa, per cercare di trovare la serenità necessaria a superare il momento di crisi, tocca al dirigente raccontare le sensazioni della vigilia e non manca la piccata risposta ai rosanero: "Siamo impazienti di andare in campo per verificare se le dichiarazioni di superiorità fatte dai rosanero hanno un fondamento". Sarà battaglia dunque, domani pomeriggio. E i catanesi hanno voglia di tornare a vincere, e sarebbe doppia gioia poter conquistare la posta in palio nel derby siciliano. Per quanto riguarda la formazione, Zenga terra' fuori per scelta tecnica Terlizzi e Dica. Per loro e' la terza esclusione di seguito.
Read More

Spalletti accetta le scuse e convoca Christian Panucci: "Conta la Roma".

Il "caso Panucci" è chiuso. Il giocatore ha chiesto scusa al mister ed è "ripartita" l'avventura del savonese con la maglia giallorossa. "Con Panucci si riparte, ha fatto quello che doveva fare. Con grave ritardo, però si riparte". Chiare le parole di mister Spalletti, che reintegra il calciatore in rosa.

Christian Panucci figura nella lista dei convocati. Ci sarà l'esperto difensore nella difficile trasferta milanese, ed è una buona notizia per la Roma e i tifosi giallorossi. Il reintegro del giocatore, il quale ha finalmente chiesto scusa al tecnico in una conferenza stampa, consente al mister Luciano Spalletti di avere una freccia in più, importante, per questo finale di stagione, nel quale la Roma deve assolutamente riuscire a conquistare il quarto posto. “Lui è un calciatore della Roma - ha affermato il tecnico - e bisogna cercare di usare tutte le forze che abbiamo a nostra disposizione. Secondo me in casi come questo non conta Panucci, non conta Spalletti. Conta la Roma. Quello che ha fatto ieri lo doveva fare due giorni dopo quel fatto, e aveva avuto anche la possibilità di farlo. Ora ripartiamo, ma con le regole vecchie. Cioè che lui è un calciatore, che io sono il tecnico e che c’è una società”. In una situazione molto difficile per la Roma, sul piano degli infortunati (ultima tegola, il brutto infortunio occorso a Perrotta, che dovrà stare a riposo per circa due mesi), la presenza di un Panucci riabilitato, nell'undici giallorosso, è davvero importante, soprattutto per l'immediato. E sulla sfida con l’Inter, di domenica sera, non manca la battuta del tecnico toscano: “Bisognerà essere molto pratici e molto diretti: l’Inter è in testa meritatamente e noi siamo a una distanza importante e probabilmente è quello che siamo meritati”.

Ecco i convocati per la gara di domenica sera contro l'Inter:

2 CHRISTIAN PANUCCI
3 CICINHO
5 PHILIPPE MEXES
7 DAVID MARCELO CORTES PIZARRO
9 MIRKO VUCINIC
10 FRANCESCO TOTTI
11 RODRIGO FERRANTE TADDEI
13 MARCO MOTTA
14 FILIPE
16 DANIELE DE ROSSI
17 JOHN ARNE RIISE
19 JULIO CESAR BAPTISTA
21 SOUYMANE DIAMOUTENE
23 VINCENZO MONTELLA
24 JEREMY MENEZ
25 GUILHERME DE MORAIS GUSMAO ARTUR
27 JULIO SERGIO BERTAGNOLI
32 DONIEBER ALEXANDER MARANGON (DONI)
33 MATTEO BRIGHI
40 ALESSANDRO MALOMO

Indisponibili: Pipolo, Cassetti, Aquilani, Perrotta, Tonetto, Juan, Loria.
Read More

"Prevedo una brutta partita, ma conterà solo vincere". Allegri inquadra così il match con il Toro.

(Massimiliano Allegri, tecnico del Cagliari)
Domani i sardi ospitano il Torino, al Sant'Elia, e non sarà una gara facile. Infatti, come ha rimarcato il tecnico del Cagliari, Massimiliano Allegri, alle squadre allenate da Walter Novellino non manca mai la grinta e il carattere. Se ci aggiungiamo poi le motivazioni (la salvezza) che spingeranno i torinesi ad una gara d'attacco, allora non abbiamo più dubbi sul fatto che sarà una gara da brividi. Ma, per il mister dei rossoblu di casa conterà solo fare risultato pieno. Ancora dubbi di formazione per la squadra sarda, sia per quanto riguarda l'attacco che per la zona mediana.

"Contera' solo il risultato, per noi e per loro, prevedo dunque una brutta partita, addirittura cattiva": cosi' Massimiliano Allegri sull'impegno casalingo, di domani, contro il Torino di Walter Novellino. "I granata, con Novellino, hanno acquistato grinta e motivazioni, e sono arrivati anche i sei risultati positivi di fila", ha aggiunto l'allenatore del Cagliari. Per quanto riguarda la formazione, ancora non si sbilancia: "Ho ancora qualche dubbio soprattutto a centrocampo, tra Lazzari e Parola, e in avanti, tra Matri e Jeda". Potrebbe esserci un turno di riposo per il brasiliano, apparso un pò col fiato corto nelle ultime settimane.
Read More

Juventus - Napoli. Reja sulla graticola. I partenopei sfidano i bianconeri e la crisi.

(Reja si affida a Lavezzi per uscire dalla crisi)
In serata, sfida dal grande fascino e richiamo, nonostante il distacco in classifica tra le due compagini. Alle 20 e 30, nell'impianto torinese, ci sarà un gustoso Juventus-Napoli, una super classica del calcio italiano che, tuttavia, vede attualmente situazioni di classifica e "ambientali" diverse. La Juventus continua a credere nel sogno scudetto (distante nove lunghezze, ovvero il divario dall'Inter) e cerca il riscatto dalla bruciante sconfitta di Champions, rimediata contro il Chelsea (1 a 0, Drogba). Dall'altra parte un Napoli che, in poco tempo, è passato dai sogni europei alla crisi profonda, e che ha bisogno pertanto di punti per risollevarsi. Per Reja ultima spiaggia? Secondo le parole del Dg Marino, sembra di no.

Juventus (4-4-2): Buffon; Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Marchionni, Poulsen, Marchisio, Giovinco; Trezeguet, Del Piero. A disposizione: Manninger, Legrottaglie, Sissoko, Tiago, Nedved, Iaquinta, Amauri. All.: Ranieri.
Napoli (3-5-2): Navarro; Santacroce, Cannavaro, Contini; Maggio, Blasi, Pazienza, Hamsik, Datolo; Denis, Lavezzi. A disposizione: Bucci, Aronica, Rinaudo, Montervino, Bogliacino, Vitale, Russotto. All.: Reja.
Arbitro: Ayroldi di Molfetta.

La sconfitta londinese ha lasciato, oltre all'amarezza per aver perso una gara a causa dell'unica disattenzione difensiva (di Chiellini) in tutti i novanta minuti disputati allo Stamford Bridge, anche l'ennesimo infortunio di Camoranesi che dovrà restare fermo per diverse settimane. Dunque, reduce dai guai di Champions, la compagine bianconera si confronta, però, con quelli enormi di un Napoli in crisi nera. Dai sogni europei a lottare per non essere invischiato nella parte dalla bassa della classifica. Chi lo avrebbe mai detto, dopo lo splendido girone di andata, ma ora non c'è più spazio per pensare al passato. Ora servono punti, per ritrovare il sorriso e soprattutto uscire da questo periodo buio. Le contestazioni dei tifosi, inoltre, hanno lasciato il segno. Insomma, a Napoli la tensione è alta e per Reja, Torino rappresenta l'ultima spiaggia (è pronto il traghettatore Papadopulo), anche se le parole di Marino sembrano smentire questa ipotesi. Olte ai problemi di classifica, il Napoli è privo anche di elementi importanti, quali Gargano e l'ex bianconero Zalayeta, infortunati. Dunque, spazio a Pazienza, con Datolo largo sulla sinistra. In attacco, coppia argentina confermata: Lavezzi-Denis.
"Sappiamo che sará una gara difficile- ha detto Claudio Ranieri, il tecnico della Juve - Troveremo una squadra agguerrita, che sta attraversando un momento particolare, ma che rispetto all'anno scorso ha cinque punti in più in classifica". All'andata, fu vittoria per i partenopei. L'ultimo confronto, in Coppa Italia, ha richiesto i supplementari e anche la lotteria dei rigori per il passaggio del turno alla Juve. Ma questa gara fa storia a sè, e i bianconeri, da alcune settimane, faticano a segnare. Un dato preoccupante per Ranieri che, per necessità, più che per opzione, si affida a Trezeguet. Camoranesi out per i problemi che abbiamo già evidenaziato, sarà rimpiazzato da Marchionni, mentre il capitano Alex Del Piero è in ballottaggio con Amauri per affiancare il franco-argentino in avanti. Possibile turno di riposo per Nedved, con inserimento del giovane Giovinco, mentre Marchisio dovrebbe rilevare Tiago a centrocampo.
Read More

Lazio - Bologna. Rossi cerca il bis, l'ex Di Vaio pronto allo scherzetto.

(Marco Di Vaio, bomber del Bologna e grande ex nella sfida con la Lazio)
La 26esima giornata di campionato, in Serie A, si apre con l'anticipo pomeridiano (ore 18:00) dell'Olimpico, tra Lazio e Bologna. La convincente vittoria di Lecce ha riportato il sorriso in casa dei biancocelesti. Ora Delio Rossi chiede continuità ai suoi ragazzi, ma li mette in guardia dall'appuntamento odierno, sicuramente non facile, contro i rossoblu dei due ex, Mihajlovic, e il bomber romano Di Vaio, capocannoniere del torneo, ed ex beniamino della tifoseria laziale.

Lazio-Bologna sabato ore 18
Lazio (4-3-3): Muslera; Lichtsteiner, Siviglia, Cribari, Kolarov; Brocchi, Ledesma, Matuzalem; Foggia, Zarate, Pandev. A disposizione: Carrizo, Rozenhal, Radu, De Silvestri, Dabo, Mauri, Rocchi. All.: Rossi.
Bologna (4-5-1): Antonioli; Belleri, Britos, Terzi, Lanna; Coelho, Mingazzini, Volpi, Mudingayi, Bombardini; Di Vaio. A disposizione: Colombo, Zenoni, Mutarelli, Valiani, Amoroso, Bernacci, Marazzina. All.: Mihajlovic.

"Domani non dovremo scendere in campo con la puzza sotto al naso o gratificati dalla buona prestazione fatta a Lecce perchè troveremo molte difficoltà a vincere la partita col Bologna. All'Olimpico, poi, sappiamo che le squadre vengono a coprire tutti gli spazi, quindi sarà normale soffrire un po' di più". Rossi mette subito in chiaro le cose e avverte i suoi calciatori. Non sarà assolutamente facile contro il Bologna di Mihajlovic e dello scatenato Marco Di Vaio, autore finora di 16 reti in 23 gare (leader della classifica marcatori) e di un campionato sicuramente da ricordare. Per il romano, ex beniamino della tifoseria laziale (anche se vi ha militato solo una stagione, quella del 1995-1996, dopo aver fatto, però, la trafila nelle giovanili della Lazio) sarà un pieno di emozioni e le sue parole, a poche ore dalla sfida, convergono in tal senso: "Giocare contro la Lazio? Come tornare a casa". E, in quella casa che lo ha amato, e che lo ama ancora, lui è pronto a giocare lo scherzetto ai suoi ex compagni, perchè ora insegue, con il Bologna, una salvezza non facile. Sarà un match divertente, e crediamo anche ricco di reti. Per quanto riguarda i protagonisti che scenderanno in campo alle 18, Delio Rossi è orientato a confermare Foggia nel tridente, dopo la positiva prova registrata a Lecce. Probabile quindi un'altra panchina per Rocchi. Negli ospiti, invece, Mihajlovic potrebbe, a sorpresa, lanciare dal primo minuto Coelho. Mentre, in difesa, lo squalificato Moras sarà rimpiazzato con Terzi. Infine, ballottaggio sulla corsia destra tra Belleri e Zenoni.

Read More

Elenco blog personale