Menu Orizzontale

Calcio, risultati: Tris della Roma al Ceahlaul. Tra una settimana l'Europa League

Mexes, uno dei romanisti in golAltri risultati di calcio, per la Roma che ha iniziato prima di tutte le altre squadre della Serie A e che sta per giocarsi l'accesso alla fase a gironi della competizione europea. Ad una settimana dalla prima sfida seria della stagione, ovvero il terzo turno preliminare della prima Europa League (la vecchia Coppa Uefa), i giallorossi offrono una buona prestazione e vincono per tre a zero contro la formazione romena del Ceahlaul, un ostacolo certamente non irresistibile ma un ottimo sparring partner in vista dell'impegno che conta davvero e che è in arrivo tra pochi giorni.

I risultati di calcio, questa volta, arridono ai romanisti che escono fuori con un bel tris, firmato da Taddei, Mexes e Greco. Segnali incoraggianti, dunque, per Luciano Spalletti. A dar fiducia al tecnico della Roma alcune buone giocate di Totti, apparso in buona forma e pronto a guidare la squadra in questa sua ennesima stagione in giallorosso. Suo l'assist per il primo gol di Mexes (nella foto) mentre e' stato lo stesso francese a fare da sponda per il raddoppio del brasiliano Taddei. Nel finale in gol anche Greco che chiude i giochi definitivamente. Parlando di formazione, il tecnico di Certaldo ha mandato in campo la coppia Totti-Okaka in attacco, supportata sugli esterni da Guberti e Taddei. Riise, invece, è stato provato nel ruolo di centrale difensivo (posizione già coperta, in situazione di emergenza, durante la stagione, con ottimi risultati). Dopo solo dodici minuti arriva il vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Totti serve Mexes che da fuori area impallina il portiere romeno. La risposta del Ceahlaul è debole e si spegne su un colpo di reni di Arthur. Al trentaseiesimo arriva il raddoppio: ennesimo corner per la Roma, calciato questa volta da Pizarro, è Taddei a trovare il pertugio giusto per mettere la palla in rete. All'inizio della ripresa Spalletti cambia metà degli effettivi, inserendo Andreolli e spostando Riise nel ruolo di terzino. La Roma insiste, dimostrando una buona tenuta fisica, e trova il tris con Leandro Greco, che batte ancora il portiere avversario, dopo uno scambio pregevole col giovane Stojan.
Read More

Calcio, squadre: Il ciclone De Laurentiis si abbatte su Lavezzi: "Non è mica Maradona". E spunta Antonio Cassano

De Laurentiis duro con LavezziParole durissime. L'autore è De Laurentiis, presidente del Napoli. Il bersaglio è il talentuoso argentino Ezequiel Lavezzi, il "Pocho". Le ultime dichiarazioni rilasciate dal patron della squadra campana sono davvero infuocate: "Non è mica Maradona". Questa la grande accusa rivolta dal presidente di una delle più importanti squadre di calcio italiane...

Una frase breve, concisa, ma con un grande significato. Ecco la stoccata velenosa lanciata all'indirizzo del giocatore sudamericano. Esce, dunque, allo scoperto, il presidente, dopo un paio di mesi di guerra fredda e un colloquio con l'attaccante argentino che doveva essere chiarificatore. E l'accusa prende corpo: "Lavezzi è un giocatore discontinuo, non è il nuovo Maradona. Per il momento la società resta sulle sue posizioni. Non abbiamo sbagliato, sbaglia chi lascia la squadra per partire. Gli tolgo la casa, lo blocco per 5 anni". Inoltre de Laurentiis ha aggiunto, riguardo la richiesta del calciatore di un "aggiustamento" dello stipendio: "Lavezzi vorrebbe che rivedessimo il contratto. Ma questo non è possibile. Lui non ci ha fatto andare in Champions League o in Europa League. Allora perché si fanno i contratti? Lo sport deve dare un'immagine di educazione: che immagine daremmo se questi valori venissero traditi? E per cosa, per sette gol? Lavezzi ha fatto 7 gol, mica ne ha fatti 27". Questione di cultura? "Ha una sua personalità che io non posso cambiare, una sua cultura che non posso cambiare, ha sue idee che io posso rispettare ma non condividere. Lavezzi deve adeguarsi. Ci stiamo organizzando per utilizzarlo meno, parzialmente o quando ci farà la concessione di fare l'atleta. Ci sono alcuni che si comportano da atleti e altri che hanno una cultura diversa. O cambiano o se ne vanno. Da questo giorno in poi non tollero più nessun tipo di gioco. Intendo andare a letto tardi, fumare, partecipare a una movida e per movida non intendo andare a cercare le p... Non è questa la mentalità che deve animare chi viene a giocare nella casa Napoli. Ci stiamo attrezzando anche per fare a meno di lui o per utilizzarlo parzialmente. Che l'abbiamo preso a fare Quagliarella?". Un vero e proprio ciclone, quello che si è abbattuto sull'attaccante argentino, e che spazza via l'ultimo margine di un dialogo che - crediamo - ora non sarà più possibile ricostituire dopo questo impetuoso attacco. E si torna parlare, come alternativa per una delle squadre di calcio di Serie A più attive sul mercato, del fuoriclasse barese Antonio Cassano... "Sono sicuro al 100 per cento che se arrivasse Antonio avremmo un rapporto straordinario". Servizio completo, quello del numero uno napoletano. Ora la palla passa al Pocho...
Read More

Calcio, risultati: Milan sconfitto dai messicani. Non basta Inzaghi. Catania e Lazio ok

Inzaghi a segno ma non bastaSe l'Inter annaspa, l'altra milanese, il Milan di Leonardo non ha di che rallegrarsi. Infatti, il club di Via Turati esce sconfitto, nel World Challenge per due a uno. A matare la squadra rossonera ci pensano i messicani del Club America, nel torneo in corso negli Usa, con l'Inter e il Chelsea.

Inutile la rete di Pippo Inzaghi, sempre pronto a metterla dentro, ma in questo caso la rete dell'esperto bomber piacentino non è servita ad evitare la sconfitta. Passando alla cronaca della gara, le reti sono state siglate tutte nella seconda parte di gara. Messicani in vantaggio al 10' con Esqueda. Dieci minuti dopo , come detto in sede di apertura, parlando dei risultati di calcio del Diavolo, il solito Inzaghi, a segno gia' contro i Los Angeles Galaxy, ha pareggiato. A sei minuti dalla fine, però, a rendere vano l'ennesimo acuto del milanista, è Marquez che trova lo spiraglio vincente e regala la vittoria ai nordamericani. Da segnalare, l'esordio, nel Milan, di Onyewu, il difensore centrale e nazionale Usa, prelevato dallo Standard Liegi, che si è messo in evidenza nella ultima Confederation Cup. Ora, il prossimo impegno per Leonardo e i suoi ragazzi è previsto tra due giorni a Baltimora, nel match prestigioso contro il Chelsea dell'ex Ancelotti. Parlando degli altri risultati di calcio di queste amichevoli precampionato, bene il Catania che ne fa sei all'Assisium nella seconda amichevole stagionale. Due centri nei primi 20 minuti, con Delvecchio, in gol su assist di tacco di Sciacca, e il difensore centrale Terlizzi. Al 31' tris con Catellani. Il poker e' arrivato poco prima del quarto d'ora della ripresa con Moretti. Il 5-0 porta invece la firma di Martinez. L'ultimo centro è invece frutto del rigore trasformato dal bomber Mascara. Bene anche la Lazio, che piega 2 a 1, in una amichevole disputata ad Auronzo di Cadore, la storica formazione della Spal. Le marcature della squadra biancoceleste portano il timbro della coppia gol Zarate-Pandev. Accade tutto nella ripresa: al 7' va in gol Zarate, ben servito da Pandev. Al 36' Zarate ricambia, con una grande sponda al volo serve il cannoniere macedone (ancora incerta la sua permanenza nella capitale) che con un sinistro insacca. Da segnalare la grande fuga del nuovo acquisto Eliseu che ha innescato l'azione del raddoppio laziale. che ha sostanzialmente chiuso l'incontro di calcio. Risultato, però, che cambia ancora, a 3 minuti dalla fine, quando la Spal accorcia con Martucci.
Read More

Calcio, squadre: Inter ed Eto'o, ci siamo. Un affare da 57 milioni

Eto'o e l'Inter, ci siamoManca poco e tutto sarà concluso tra le due squadre di calcio. Una trattativa estenuante, ma che sta per arrivare al suo epilogo. Essenzialmente, sono rimasti due gli scogli da superare per realizzare l'obiettivo che manderebbe in porto tutta l'operazione di mercato: ovvero che l'Inter metta sotto contratto per i prossimi 5 anni Samuel Eto'o, pedina fondamentale di scambio nella trattativa che porterebbe Ibrahimovic al Barcellona.

Innanzittutto c'è ancora distanza tra la richiesta del procuratore dell'attaccante camerunense, Josep Maria Mesalles, e la società nerazzurra anche se si è ridotta notevolmente dopo le tre ore di serrate trattative di ieri. Però restano da limare alcuni particolari neanche tanto trascurabili. L'accordo tra le due squadre di calcio è stato trovato sulla base di un quinquennale a 11 milioni netti a stagione (cifre assurde, soprattutto per un calciatore sulla trentina), più un bonus di due milioni legato ai risultati che l'Inter risucirà ad ottenere in Champions League. Si tratta, quindi, di un affare da 57 milioni di euro complessivi. Che cifre ragazzi. E poi piovono critiche sul Real Madrid per il suo modo "galattico" di fare calciomercato...Comunque, ritornando alla vicenda della quale stiamo parlando da giorni, il problema fondamentale è che il procuratore del forte attaccante africano ha chiesto altri 5 milioni di euro come indennizzo, anche perché la squadra di calcio catalana non ha accettato di pagare alcuna buonuscita ad Eto'o. E questo è il primo ostacolo alla chiusura della trattativa. Ma c'è un ulteriore imprevisto legato alla commissione per lo stesso procuratore di Eto'o. Per trattative di questa portata, è ormai prassi versare all'agente del giocatore in 5% sul lordo dell'operazione (nel caso specifico qualcosa come 114 milioni di euro). L'Inter intende non andare oltre il 5% sul netto e Mesalles punta a trovare l'accordo a metà strada, ovvero al 7,5%. Insomma, questi sono i due punti sui quali si ritroveranno a discutere le parti in causa nelle prossime ore, per poter finalmente concludere la trattativa. In serata, poi, potrebbe già esserci l'arrivo di Eto'o a Milano. Il suo percorso nella squadra di calcio nerazzurra sta per cominciare.
Read More

Elenco blog personale