Menu Orizzontale

Aspettando Roma-Inter e Napoli-Juventus











Finita la parentesi rappresentata dalla Nazionale, con la vittoria sulla giovane e talentuosa nazionale montenegrina (capitanata da Mirko Vucinic, attaccante della Roma), determinata soprattutto da una prestazione eccelsa di un altro romanista, Alberto Aquilani, autore di duna doppietta, riparte il campionato e ci regala due piatti davvero succulenti.

Da una parte lo storico scontro tra due delle più importanti realtà calcistiche italiane e internazionali: Roma e Internazionale. Tanti talenti in campo, giocatori tra i più forti e pagati nel panorama calcistico mondiale, tifoserie da sempre rivali, alcuni assenti e altri sicuramente non in buone condizioni, ma questo big match è una sfida che da sempre affascina e continuerà a farlo indipendentemente di ventidue che scenderanno in campo. Tra i capitolini, assenze pesanti (Mexes e Panucci su tutti) ma a rinfrancare i romanisti ci sarà il capitano Francesco Totti, sempre alle prese con i guai muscolari e con le tante botte prese negli anni di militanza calcistica, probabilmente utilizzabile per una mezzora e non ancora in forma per dare il suo solito contributo. Tra i ragazzi di Mourinho, allenatore sicuramente sopra le righe per molti suoi atteggiamenti, invece molte le soluzioni offensive, ma sicuramente la certezza più grande è lui: Zlatan Ibrahimovic, autentico fuoriclasse, sia da punta che da rifinitore per i compagni. Per Amantino Mancini, e Cristian Chivu, un ritorno, ma da avversari, all'Olimpico e, per i due calciatori, si prospetta un'accoglienza non certo calorosa come quella che ne aveva accompagnato l'ingresso appena qualche mese fa. Sfida che, attualmente, alla luce dei momenti passati dalle due squadre (Roma in difficoltà, Inter più tranquilla) sembra volgere più verso Sant'Ambrogio, ma mai fidarsi dei lupi feriti... La compagine giallorossa si presenta all'appuntamento con sette punti, totalmente ottenuti in casa (due vittorie e un pareggio), mentre la formazione nerazzurra arriva all'Olimpico con 13 punti, capoclassifica in coabitazione con Lazio e Udinese.

Ma passiamo ad un'altra sfida affascinante...il calore e la spontaneità della tifoseria napoletana, contro la "noblesse oblige" della Signora Juventina...il cuore e la grinta del Napoli, contro il dna vincente di una Juventus pericolosa fino al fischio finale, ma che comunque ha tantissime assenze e fatica, soprattutto a livello di gioco, in quest'inizio di campionato. Il Napoli si presenta al match con ben 11 punti, a due lunghezze dal trio di testa (Lazio, Udinese e Inter), ma reduce dalla sconfitta di Genova, mentre la Juventus, anch'essa reduce dalla sconfitta rimediata contro il Palermo, ha nove punti.

Reya, tecnico del Napoli, ha dichiarato: "massima allerta, non mi fido della Juve", a dimostrazione della saggezza del tecnico, consapevole della grande tradizione di una squadra che, pur con molte assenze, è sempre una Signora squadra. Ranieri, invece, dall'altra sponda non si "sente sotto pressione"...sicuramente è una partita importante e un passo falso dei bianconeri farebbe agitare di molto le acque. Moratti, Presidente dell'inter, ha invece puntato l'accento sulla voglia di riscatto dei giallorossi, attardati in classifica ed ha dichiarato "la falsa partenza della Roma in campionato non toglie fascino al match di domenica sera con l'Inter. Non cambia niente, anzi, loro dovranno dimostrare ancora di più di essere forti, per cui per noi sarà ancora più dura che in passato". da Trigoria bocche cucite e molta concentrazione. Vedremo chi avrà ragione, e speriamo che trionfi solamente lo sport e il calcio giocato e che non saranno protagonisti, in negativo, gli arbitri che saranno Saccani di Mantova per Napoli-Juventus e Rizzoli di Bologna per il match dell'Olimpico.
Read More

UNa Pennetta d'autore


Grandiosa Pennetta!
L'impresa l'aveva compiuta già ieri, battendo negli ottavi di finale niente di meno che Jelena Jankovic, numero uno al mondo nella graduatoria al femminile, nello "Zurich Open" (torneo da 600mila dollari che si disputa nella città svizzera, al coperto e sul veloce). Ma la 26enne brindisina non ha rallentato la corsa e ha superato abbastanza agevolmente anche l'ostacolo rappresentato dalla slovena Katarina Srebotni, sconfitta in due set con il punteggio di 7-5 6-2 in un’ora e e venti minuti. Match decisamente equilibrato fino all’undicesimo game, nel quale l’azzurra ha sfruttato l’unica palla break avuta a disposizione sino a quel momento con una gran risposta di rovescio lungolinea, per poi chiudere 7-5 nel gioco successivo. Il secondo set è invece stato ad esclusivo appannaggio della tennista italiana che se ne è andata via in scioltezza, con un 6 a 2 che non lascia spazio a repliche. Domani in semifinale la Pennetta affronterà la spagnola Anabel Medina Garrigues che si è sbarazzata della bielorussa Victoria Azarenka. Mentra dall'altra parte Venus Williams incontrerà la Ivanovic, per una sfida che si preannuncia dall'esito incerto. Grande momento quindi per la ragazza pugliese, che punta dritto alla finale, e visti i risultati che sta ottenendo se la meriterebbe tutta. Le avversarie sono avvertite.
Read More

un pò di prof...tra di dilettanti


Non si trattano d'insegnant i:) ma di giocatori che dopo anni più o meno gloriosi in squadre di calcio professionistico riassaporano il sapore (spesso terroso) di giocare in campi che invece appartengono a società dilettantistiche e che aspirano a inserirsi nel calcio che conta. Sono tanti gli esempi che si possono fare, e che evidenziano come anche a 30 e passi anni ci si diverte sempre a fare SPORT e, soprattutto CALCIO, proprio perchè in questo sport si ritrovano tanti esempi. Vivendo ad Ostia, nei pressi di Roma, e lavorando per il settimanale sportivo che cura il calcio dilettantistico (http://www.sportlocale.it/), ho avuto il piacere di ritrovare, nella squadra della mia città, la Pescatori Ostia (che milita nel campionato di Eccellenza del Lazio, girone A), uno dei più professionali e corretti giocatori, nonchè amato, della Roma, ossia "Super" Marco Delvecchio, che coinvolto nel progetto dalla determinazione, dalla voglia di giocare, dalla vitalità di tanti ragazzi che sudano e corrono appresso un pallone nei campi di periferia, ha deciso di entrarne a far parte. Nella stessa squadra, l'ex attaccante giallorosso ritrova Massimiliano Cappioli (altro beniamino romanista), ma anche Criniti (ex Cagliari, Bari...).

Insomma, una nuova giovinezza per questi giocatori...nelle vostre regioni accade lo stesso? Mi piacerebbe sapere di altri episodi di questo tipo...intanto vi mostro la mia euforia nel trovarlo sulla tribuna del "D. Lodovichetti" di Ostia, qualche giorno prima di vederlo all'opera...
Read More

Sport...la nascita...


Il termine SPORT ha una lunga storia, traendo origine addirittura dal termine latino deportare che tra i suoi significati aveva anche quello di uscire fuori porta, cioè uscire al di fuori delle mura cittadine per dedicarsi ad attività sportive. Da questo termine derivarono il Provenzale deportar, lo Spagnolo deportar e il Francese desporter (divertimento, svago); da quest'ultimo prese origine nell'inglese del XIV secolo il termine disport che solo successivamente, intorno al XVI secolo, venne abbreviato nell'odierno sport.
Questa l'origine della parola....mentre una definizione più sintetica e riassuntiva è la seguente: Lo Sport è l'insieme di quelle attività, fisiche e mentali, compiute al fine di migliorare e mantenere in buona condizione l'intero apparato psico-fisico umano e di intrattenere chi le pratica o chi ne è spettatore. Due celebri personaggi hanno detto la loro sullo sport e sull'attività ad esso connessa:
« L'importante non è vincere, ma partecipare per poter vincere. »
(
Pierre de Coubertin)
« Il secondo è il primo dei perdenti. »
(
Enzo Ferrari)

Voi da che parte state?
Read More

Una piccola realtà dove parlare di sport


Nasce CitySport...per tutti CS...facile da ricordare e facile da trovare, ha origine con l'intenzione di rappresentare un piccolo mondo dove poter parlare di sport, dove confrontarsi sulle principali notizie, e dire la propria su tutto ciò che ci appassiona e ci fa vivere grandi emozioni...
Dal calcio al basket, dalla pallavolo al tennis, fino a comprendere anche i cosiddetti sport "minori", cercherò di dare a tutti i quanti, dai piccoli ai più grandi, la possibilità di esprimere opinioni, fornire contributi personali e non per partecipare alla crescita di questa nuova CITTA' DELLO SPORT...
Queste poche righe sono il primo passo...verso un nuovo modo, fresco e moderno di parlare di sport...ora tocca a voi entrare in questa realtà, diventarne parte integrante e vivere con me questa esperienza...
Buon divertimento con CS...
Read More

Elenco blog personale