Menu Orizzontale

Premier League Round Up

Ancora una volta siamo giunti all'appuntamento con Gareth, che ci porterà a conoscenza delle ultime sulla Premier e ci darà delle chicche importanti sul mercato inglese. Come al solito, non mi dilungo e lascio la parola al nostro esperto...a te Gareth!

It has been quite a week in the Premier League. Last weekend Liverpool hammered Manchester United 4-1 at Old Trafford giving them a glimmer of hope in their bid for the title. Then this weekend the almost unthinkable happened, as United lost 2-0 away at Fulham and Liverpool comfortably saw off fifth placed Aston Villa 5-0 at Anfield to take them within a point of United. Liverpool now have a superior goal difference which could prove crucial at the end of the season.

Liverpool’s task is still not an easy one though, United still have a game in hand meaning they still need to drop points in two games for Liverpool to stand a chance of claiming their first title in 19 years. United are still the betting favourites to clinch a third consecutive league title. Chelsea blew their chances to take the title by losing 1-0 away at Tottenham Hotspur and to add to their woes top-scorer Nicolas Anelka has been ruled out for up to three weeks with a foot injury.

Villa’s loss and Arsenal’s 3-1 win away at Newcastle put some space between the two sides. Villa had been in pole position for a shock place in next season’s Champions League but it looks as if Arsenal have picked up a run of form at the right time. Andrei Arshavin has been outstanding since his move to the Emirates and for me he has made a lot of difference to an Arsenal side that looked fairly average before he joined. When Cesc Fabregas and Thomas Rosicky return from injury and Eduardo is fully fit again they will be even better and should mount a decent challenge for the title next year.

At the wrong end of the table things are getting a lot worse for Newcastle. Stoke managed a win over Middlesbrough while Newcastle lost to Arsenal meaning they slipped into the bottom three. West Brom’s 1-1 draw with Bolton Wanderers all but ended their survival hopes and they’re now seven points adrift of safety. Middlesbrough are also in real danger and sit four points away from safety, they have only won one league game in 2009. It is starting to look like it will be West Brom and Middlesbrough and any one from Newcastle, Blackburn, Stoke, Portsmouth, Sunderland, Hull and Bolton but things can always change.

The ‘English domination’ (as the British media are calling it) of European football saw four teams in the quarter-finals of the Champions League. Liverpool have been paired with Chelsea for the fifth year in a row and they both have a hard task as either Barcelona or Bayern Munich await them in the semi final. Personally, I’m not sure anyone will be good enough to beat Barcelona this season and I think they should be able to win the Champions League. Of course luck is very important in cup competitions but based on quality I think Barca are better than all four English sides in the competition. Manchester United face Porto and Arsenal face Villareal in their quarter finals. I would expect both English teams to go through but I quite fancy Arsenal to overcome United in the semi-final. The Gunners will not be favourites with the sports betting odds but they do have a good record against United this season I think they could cause a minor upset.

Of the teams competing to get into the league it looks as if Wolverhampton Wanderers will be champions at the end of the season. Birmingham are in pole position to join them but Reading and Sheffield United are also close and could easily beat them too it. Promotion is decided by the top two teams going up and the next four teams compete in play-offs to decide the final promotion place. The teams currently occupying those places are Reading, Sheffield United, Burnley and Cardiff. Reading are perhaps the better side but once you get to the play-offs it is a bit of a lottery and I would be hard-pressed to pick a winner.

Read More

Qualificazioni mondiali 2010. L'Italia sfida il Montenegro orfano di Vucinic, Il Trap all'esame di bulgaro in attesa della sfida con Lippi

E' giornata di qualificazioni mondiali, tante nazionali impegnate e molti appuntamenti da non perdere. L'Italia sfida il Montenegro (orfana di Mirko Vucinic, stella della Roma), mentre l'Irlanda del Trap, capoclassifica con gli azzurri, nel gruppo 8, si troverà a fronteggiare l'insidiosa Bulgaria di Georgiev. Intanto, si sanno già alcuni risultati, tra i quali il quattro a zero col quale la Lettonia ha travolto il Lussemburgo, la vittoria russa contro l'Azerbaigian e quella della Finlandia, con lo stesso punteggio, ma ottenuta in terra gallese. Pareggio, due a due, tra Estonia e Armenia.

Gruppo 1
20.00 Malta - Danimarca
20.30 Albania - Ungheria
21.45 Portogallo - Svezia

Gruppo 2
Lussemburgo - Lettonia 0-4 25' pt Karlsons (Le), 11' st Cauna (L), 26' st Visnakovs (L), 40' st Pereplotkins (L) FINALE
17.45 Moldavia - Svizzera 0-1 32' pt Frei (S)
19.00 Israele - Grecia 0-0

Gruppo 3
18.15 Nord Irlanda - Polonia 1-1 10' pt Feeney (I), 26' pt Jelen
20.45 Slovenia - Repubblica Ceca

Gruppo 4
Russia - Azerbaigian 2-0 32' pt Pavlyuchenko (R), 26' st Zyrianov (R) FINALE
Galles - Finlandia 0-2 43' pt Johansson (F), 45' st Kuqi (F) FINALE
20.00 Germania - Liechtenstein

Gruppo 5
Armenia - Estonia 2-2 31' pt Mkhitaryan (A), 36' pt Voskoboinikov (E), 22' st Saag (E), 43' st Yedigaryan (A) FINALE
20.45 Belgio - Bosnia
22.00 Spagna - Turchia

Gruppo 7
19.45 Romania - Serbia
20.45 Lituania - Francia

Gruppo 8
19.00 Cipro - Georgia 0-0
20.45 Irlanda - Bulgaria
20.45 Montenegro - Italia

Gruppo 9
20.45 Olanda - Scozia
Read More

Doni respinge l'assalto inglese: "Resto alla Roma"

(Doni ama Roma e i colori giallorossi. Immediato il no al Manchester City)
Doni dice di no al Manchester CityDoni dice di no al Manchester City. da Teresopolis, dove è in ritiro con la nazionale verdeoro, il portiere giallorosso respinge l'assalto degli inglesi del Manchester City e ribadisce il suo amore per la capitale e per i colori giallorossi.

L'offerta golosa ricevuta dal Manchester City (14 milioni di euro alla società e un ingaggio sostanzioso al portiere) non ha per nulla scalfito la voglia del portiere brasiliano della Roma, Doni, di restare in giallorosso. Quella dell'estremo difensore è una risposta netta: "Al di là di qualsiasi altra considerazione, quello che voglio dire è che non ho nessuna intenzione di andare via dalla Roma. La mia famiglia sta benissimo a Roma, io altrettanto nella città e nella squadra. Non mi è mai passato per la testa di chiedere alla società di cedermi, ho firmato un nuovo contratto l’anno scorso, la scadenza è stata fissata nel giugno 2012, perchè mai dovrei andarmene? Peraltro non so proprio nulla di questa ipotesi di un’offerta del Manchester City. E, oltretutto, per quanto mi riguarda, ribadisco in maniera categorica che io voglio rimanere alla Roma, felice di rimanerci". Parole chiare, precise, quelle del sudamericano. Una risposta immediata alle mire del patron arabo dei Citizens. Doni ha solamente voglia di giallorosso.
Read More

Il City vuole Doni. Offerti 14 milioni di euro alla Roma.

C'è una Champions da raggiungere. Il quarto posto è indispensabile per programmare al meglio la prossima stagione. La Roma è una società che si autofinanzia e non poter beneficiare dei proventi derivanti dalla Champions potrebbe davvero portare ad un ridimensionamento del club, dei suoi progetti, e a dolorose cessioni. Sempre in bilico Aquilani, in queste ore arriva dall'Inghilterra, e dal Manchester City, un'offerta per il portiere brasiliano Doni.

Secondo quanto riportato da Sky Sport 24, il Manchester City del "paperone" arabo, si sarebbe presentato dai dirigenti giallorossi con un'offerta da 14 milioni per il cartellino del portiere. Una cifra notevole, che potrebbe davvero far gola alla società capitolina, la quale sicuramente non naviga nell'oro e ha bisogno di denaro liquido (soprattutto nel caso in cui non riuscisse a strappare il quarto posto alle proprie rivali). Il brasiliano ha già fatto sapere di voler restare nella capitale, dove è stimato e dove la sua famiglia si è adattata, ma dalla sua cessione potrebbero arrivare i soldi per acquistare un attaccante. Sul fronte offensivo, serve assolutamente un centravanti alla Roma e gli obiettivi sono ormai dichiarati. A Trigoria il mirino è puntato sull'atalantino Floccari e sul bianconero dell'Udinese, Quagliarella. Uno di loro potrebbe arrivare alla corte di Spalletti, sempre che ci sia la partenza del portiere. Nel caso in cui Doni fosse convinto dalla società ad accetare l'offerta dei Citizens, la porta della Roma verrebbe affidata a Gianluca Curci, maturato dopo l'anno in prestito al Siena.
Read More

Il Trap sfida l'Italia: "Proveremo a restare a capotavola"

(Trapattoni sfida l'Italia)
Trapattoni è pronto alla sfida con l'ItaliaCampionato fermo, tornano protagoniste le nazionali, impegnate nelle gare di qualificazione ai mondiali del 2010 che si svolgeranno in Sudafrica. Per la verde nazionale irlandese, guidata da un italiano doc, Giovanni Trapattoni, l'avversario immediato si chiama Bulgaria, squadra ostica e non facile da battere, ma nella mente del suo condottiero ricorre costantemente la sfida di mercoledi con l'Italia di Marcello Lippi.

Affrontare la Bulgaria senza pensare all'Italia, questo è l'input che Trapattoni ha impartito ai suoi ragazzi. E' difficile, soprattutto per il "ragazzo" di Cusanino, ma è indispensabile per evitare di incappare in brutte figure e sconfitte che potrebbero rivelarsi pesanti. Il primo ostacolo importante, sulla strada che porta al Sudafrica è dunque il difficile incontro con Georgiev (dal Trap paragonato al rossonero Pirlo) e compagni. Si tratta di un aperitivo niente male per la nazionale irlandese e, a tal proposito Giovanni Trapattoni ha le idee chiare: "Loro sono belli tosti. Hanno cambiato allenatore. Hanno nuove motivazioni. Ma noi vogliamo vincere. Dobbiamo vincere. In che modo non mi interessa. In questa partita non cerco calcio spettacolo, cerco solo i tre punti". Una vittoria, insomma, senza badare alla forma, perchè ciò che importa è uscire dal campo con i tre punti in tasca. La vittoria rappresenterebbe un buon viatico per l'emozionante incontro con gli azzurri. E, il pensiero di affrontare la corazzata di Marcello Lippi non molla mai la testa del Trap che si mostra sempre più elettrico al pensiero di giocarsela con i propri connazionali:"Mi chiedete se sabato notte sarei felice di avere in classifica gli stessi punti degli azzurri? Felice? Pazzo di gioia. Datemi un foglio che ci metto sotto una decina di firme". L'Irlanda, del resto, ora è in testa alla graduatoria insieme proprio all'Italia, dunque perchè non provarci? L'adrenalina scorre sempre più nelle vene del Trap che si esalta annunciando battaglia: "Gli azzurri sono sicuramente la squadra più forte del girone. Però ora siamo in testa alla classifica, insieme agli azzurri. E vogliamo provare a restare a capotavola. Non dobbiamo avere paura della nostra classifica".
Read More

Elenco blog personale