Menu Orizzontale

Adriano riparte dal Maracanà. Domenica l'esordio con il Flamengo

Adriano all'esordio con il FlamengoAdriano riparte. Riaccende i motori, anzi si rimette gli scarpini, e inizia la sua avventura con il Flamengo. "Finalmente sono a casa", queste le prime parole...una volta chiuso l'accordo con la gloriosa squadra brasiliana. Ora, domenica, partirà ufficialmente la nuova vita dell'ex Imperatore interista. L'esordio al Maracanà, a Rio de Janeiro, con la squadra più popolare del Brasile, sarà sicuramente emozionante per questo ragazzo che ha voglia di tornare a "divertirsi giocando a pallone".

Il Flamengo ha confermato che l'ex Imperatore giocherà contro l'Atletico del Paranà in campionato brasiliano, ma il tecnico Cuca non ha ancora deciso se sarà in campo sin dall'inizio. Anche perchè non è in forma fisica perfetta, e anche piuttosto ingrassato. Tuttavia, la commissione tecnica del club sudamericano ha stabilito che l'attaccante è pronto per un incontro di alto livello. Oltre tutto, degli attaccanti titolari Obina è passato al Palmeiras, e Josiel e Emerson sono a digiuno di gol da svariate settimane. Quindi, spazio ad un Adriano un pò sovrappeso ma che può dire la sua in un campionato sicuramente non di livello qualitativo eccelso. Il richiamo è stato importante. Il fatto di poter vedere in campo l'ex giocatore nerazzurro ha attratto moltissimi tifosi che riempiranno lo stadio del Flamengo. Si vedranno oltre 50 mila persone al Maracanà domenica per l'esordio di Adriano. Sarà nuova vita?
Read More

Calcio, Napoli scatenato. Quagliarella e Cigarini, doppio colpo azzurro














E' questione di ore e arriverà l'ufficialità dalla società dal presidente De Laurentiis. Il Napoli di Donadoni, ormai senza stimoli e già in vacanza (da tempo, bisognerebbe dire) si dimostra scatenato, quanto l'Inter, sul piano del mercato. Infatti è praticamente fatta per due pezzi pregiati della Serie A. Parliamo del forte centravanti friulano (come squadra, napoletano di nascita) Fabio Quagliarella che è ormai un giocatore azzurro: accordo trovato con il patron dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, al quale vanno 15 milioni di euro più la metà di Domizzi.

Ma il bianconero è il secondo colpo, solo in ordine di tempo. Infatti, la società campana ha trovato anche l’intesa con il Parma per Luca Cigarini: alla società emiliana vanno cinque milioni e mezzo di euro, all’Atalanta - comproprietaria del regista - quattro milioni e mezzo più l’altra metà di Garics. Insomma, due tasselli importanti per il Napoli della prossima stagione che, ripartirà senza dubbio da Lavezzi ed Hamsik, incedibili. Il pensiero è stato, infatti, ribadito in conferenza stampa da Pierpaolo Marino: "Non ho ricevuto offerte dal Liverpool, né le aspetto. Mai pensato di privarmi di Lavezzi e Hamsik. E l’anno prossimo avremo anche Gargano e Maggio che ci sono mancati moltissimo in questa fase finale della stagione". Il Napoli bussa due volte e sono colpi da applausi.
Read More

Ibrahimovic enigmatico sul futuro: "Non faccio percentuali come Mourinho"

Ibrahimovic enigmatico sul futuroPer ora resta ancora il punto interrogativo alla domanda: Ibra sarà ancora nerazzurro la prossima stagione?. I tifosi sperano di poter avere presto il "si" di Zlatan, ma dalle ultime dichiarazioni rilasciate dal fuoriclasse svedese dell'Inter a due reti private, Telenova e Telelombardia permangono dubbi sul futuro dell'attaccante alla corte di Moratti: "Per adesso non c'è niente sul tavolo. Non faccio percentuali sul futuro come Mourinho".

Ma se da un lato lascia aperte le porte a una possibile cessione, dall'altra si vede già al fianco del principe argentino Milito, uno dei nuovi grandi colpi firmati da Massimo Moratti: "Con lui non ci sarà competizione interna. I suoi gol saranno molto utili per noi". Detto questo (in sostanza ha detto molto poco su cosa accadrà), la chiusura è dedicata a quello che è l'obiettivo personale immediato: "Spero nel titolo di capocannoniere, ma l'importante è stato vincere lo scudetto. Ho la possibilità di vincere la classifica marcatori sono contento e farò di tutto per farcela: quello di diventare capocannoniere è uno degli obiettivi, ma non è il primo, perché prima di tutto bisogna vincere come abbiamo fatto nelle ultime partite. Prima si vince e poi i miei compagni mi aiuteranno a fare gol". A novanta minuti dalla fine del campionato, lo svedese è al primo posto con 23 reti, in coabitazione con Di Vaio del Bologna, mentre il genoano Milito (futuro interista) è a quota 22, più staccato il viola Gilardino, che ha segnato finora 19 reti di un campionato comunque fantastico.
Read More

Elenco blog personale