Menu Orizzontale

Calcio, squadre: Zanetti avverte la Lazio: "Vogliamo la Supercoppa"

Zanetti vuole la Spercoppa ItalianaSabato, a Pechino, verrà assegnato il primo trofeo ufficiale della stagione. In palio c'è la Supercoppa Italiana. A scendere in campo saranno due squadre di calcio molto importanti: Inter (Campione d'Italia) e Lazio (vincitrice della Coppa Italia). Le prime parole, in attesa di lasciare spazio al campo, arrivano dal quartier generale nerazzurro e da uno dei tanti grandi protagonisti che renderanno avvincente questa sfida. Parliamo del capitano interista, Javier Zanetti, il quale carica i compagni e, nello stesso tempo, avverte la Lazio: "Vogliamo vincere la Supercoppa, sarebbe il modo migliore per iniziare la stagione".

Ma non sarà facile, contro una squadra, quella biancoceleste, che schiererà il forte attaccante argentino Zarate, e l'ex Cruz, il tutto in una cornice insolita come quella cinese: "Credo ci siano tutte le condizioni per fare una buona partita - afferma l'argentino -. Se ci penalizzarà il fatto di sputare questa gara in Cina? Non penso. È vero che abbiamo viaggiato tanto, ma credo che la cosa più importante sia saper lavorare bene. Noi l'abbiamo fatto e andremo lì per vincere. La Lazio è una squadra da rispettare, ci potrà mettere in difficoltà e noi dobbiamo essere pronti a reagire". Ibrahimovic se ne è andato, ma per Zanetti, in nerazzurro dal 1995, nessun rimpianto: "Non pensiamo a chi ormai è andato via, ma ai campioni che erano già qui e a tutti gli altri che sono arrivati quest'anno - prosegue capitan Zanetti-. Eto'o? È un bravissimo ragazzo. Si allena con tanto impegno ed è davvero in gamba". Anche senza Ibra, dunque, l'Inter rimane la squadra da battere, un passo avanti rispetto alle altre squadre di calcio che, comunque, come la Juventus, si sono avvicinate molto. Zanetti, anche riguardo a quest'argomento preferisce non sbilanciarsi: "Aspettiamo il campionato, come sempre sarà il campo a decidere. La Juve è una grande squadra, si è rinforzata molto bene, così come hanno fatto l'Inter e come farà il Milan".

Read More

Calcio, Serie A: Buffon rammaricato per la sconfitta ai rigori: "Spiace perdere così". Poi l'abbraccio a Trezeguet

Buffon rammaricato per la sconfitta ma felice per TrezeguetUn solo gol preso in tutto il torneo (da Cristiano Ronaldo in semifinale), nei 90 minuti. E questa grande prestazione difensiva e di squadra non è bastata per portare a Torino il trofeo. C'è rammarico, in casa dei bianconeri per non essere riusciti, per un soffio, ad aggiudicarsi la Peace Cup, prestigioso torneo di calcio organizzato dal Siviglia. Ci teneva soprattutto lui, Gigi Buffon, uno dei più grandi portieri della Serie A di Calcio e del mondo.

Il numero uno della Nazionale sperava di portare a casa la coppa. "C’è ovviamente un po’ di dispiacere per come è andata a finire. E’ sempre un peccato perdere una finale ai rigori, anche perché io sono convinto che “vincere aiuta a vincere” e portarci a casa il trofeo sarebbe stato utile per affrontare con ancora più carica i prossimi impegni". Poi, la battuta: "I rigori? Non li paro piu', se non nei 90 minuti" . Ci scherza su Buffon, alludendo alla sua lunga storia di vittorie e sconfitte dal dischetto. Poi un pensiero per il compagno di squadra Trezeguet, che ha ritrovato la fiducia della società e del tecnico (ha giocato tutta la finale da titolare) e che può considerarsi un altro ottimo "acquisto" estivo: "Siamo tutti contenti della volontà di Trezeguet di restare ancora con noi – conclude il portierone bianconero -. Sono sicuro che adesso che ha ritrovato la convinzione, David tornerà ad essere quell’arma in più che è sempre stata e questo non può che fare a tutti noi molto piacere. Ora il nostro gruppo è ancora più attrezzato. L’ho detto anche nei giorni scorsi, ho sensazioni positive vedendo la squadra al lavoro. Le basi sono solide e si è creato davvero un bel clima. Abbiamo tutto per fare bene. Non resta che farlo in campo, con i fatti, e non a parole". E' stracarico Gigi...sarà una Juventus difficile da battere nella Serie A di Calcio, ma anche a livello internaziona...
Read More

Calcio, squadre: Tra la Juventus e Trezeguet torna la pace. Il centravanti allontana il Milan: "Resto qui al 100%"

Trezeguet e la Juve fanno paceE' ritornata la pace tra la Juventus e David Trezeguet. E si può, dunque, camminare insieme nella stessa direzione, verso un obiettivo comune. Niente da fare per il Milan, quindi, che aveva messo gli occhi sul forte ed esperto attaccante juventino. Artefice di questo rinnovato idillio tra calciatore e una delle squadre di calcio più gloriose d'Italia è stato il torneo spagnolo (chiuso, ricordiamo, con la sconfitta in finale dei bianconeri, ai calci di rigore, con l'Aston Villa), il quale ha visto il franco-argentino protagonista, anche se non con una prova esaltante, della finale.

Il centravanti non ha incantato, ma dopo tante mezze parole è arrivata una certezza: Trezegol resta in bianconero: "L'interesse del Milan mi ha fatto piacere, ma resto qui al 100%. Non mi andava di tradire tifosi e compagni di squadra. Adesso andiamo avanti per cercare di raggiungere tutti i traguardi che ci siamo prefissati", ha detto a Siviglia, al termine della manifestazione, chiudendo quindi le porta in faccia ai rossoneri. E' stata una scelta dettata anche dal cuore e dalla storia. "Ho parlato con la mia famiglia, la decisione migliore è restare anche perché avrò la possibilità di festeggiare i 10 anni alla Juve, un traguardo molto importante. Da parte mia voglio dimostrare che sono legato a questa società, che mi ha dato tanto", ha annunciato, dichiarando quindi amore eterno alla società bianconera e a una delle squadre di calcio che lo ha più amato in carriera. L'intesa, come abbiamo detto, è arrivata proprio in occasione della Peace Cup e della finale, nella quale, nonostante occasioni fallite e una prova non esaltante, Ferrara ha voluto tenerlo in campo sino al termine, dimostrandogli che crede in lui: "Ho parlato con i compagni e con Ciro durante il ritiro, quando non era un momento facile per me. Con Ranieri l'anno scorso ho avuto dei problemi alla fine, ma adesso sono pronto a ricominciare". E da Siviglia, dunque, Trezeguet riparte per ripagare la fiducia del tecnico e provare a contendere una maglia da titolare ai vari Del Piero, Amauri e compagnia bella. Ci riuscirà? Questo ancora non si può sapere ma ciò che sappiamo è che questa è una ripartenza con i fiocchi...bianconeri.
Read More

(video gol) Calcio, risultati: Juventus-Aston Villa 0-0 (3-4 dcr). Bianconeri ko ai rigori, la Peace Cup va ai Villains


(highlights di Juventus-Aston Villa)

Sconfitta ai rigori per la Juventus che viene piegata dopo 120 minuti di grande calcio, nella finale della della Peace Cup sivigliana. Questi i risultati di calcio dell'ultimo atto del prestigioso evento andaluso. C'è voluta dunque la lotteria dei penalty per aggiudicare il trofeo, che è andato dunque alla compagine inglese, più lucida dal dischetto rispetto a quella di Ciro Ferrara. Questo l'epilogo, ma ritornando qualche passo indietro e analizzando la gara, è stata una Juventus dai due volti quella vista a Siviglia: lenta e impacciata nel primo tempo, più veloce e pericolosa nella ripresa, con la novità Trezeguet in campo (resterà sul terreno di gioco per tutto l'incontro). Sempre priva del talentuoso Diego, la squadra bianconera controlla il gioco ad inizio match, ma senza creare grandi pericoli a Guzan e compagni. Nella seconda metà del primo tempo è l’Aston Villa a prendere il sopravvento: Carew apre spazi, Ashley Young è pericoloso con i suoi inserimenti e in due occasioni Buffon deve intervenire per salvare il risultato con i suoi "guantoni". I bianconeri crescono nel secondo tempo, quando vanno più volte vicino al gol, ma i risultati di calcio non si schiodano dalla situazione di partenza. L’Aston Villa regge e si va ai supplementari, nei quali le due squadre cessano le ostilità. Le energie rimaste sono poche, meglio tenersele per i calci di rigore. Dal dischetto, la Juventus ha la possibilità di chiudere al quinto rigore, ma Del Piero calcia male e centralmente e Guzan non ha problemi a respingere; al settimo tiro dal dischetto Cuellar realizza, mentre Legrottaglie spedisce alle stelle. E l'Aston Villa può festeggiare.
Read More

Elenco blog personale