Menu Orizzontale

Calcio squadre: Sotto il Vesuvio si respira aria bollente. Lavezzi pronto a partire e l'Inter si fa sotto

Lavezzi chiama l'InterMourinho chiede l'ultimo regalo a Moratti, per completare una delle squadre di calcio più forti d'Italia. La ciliegina sulla torta, come si suol dire. Partito Ibra, e giunto invece a Milano nell'ambito dell'operazione il camerunense Eto'o, arrivati anche Milito e Motta dal Genoa, il tecnico portoghese dell'Inter batte ancora cassa alla ricerca del perno finale per chiudere il cerchio. Si fanno tani nomi, compresi quelli di Antonio Cassano e Deco, ma nelle ultime ore sta prendendo sempre più piede l'ipotesi Lavezzi.

Il tormentato rapporto tra il "Pocho" e la dirigenza napoletana (soprattutto con il patron De Laurentiis) può essere la scintilla decisiva per rendere concreta l'operazione di mercato. In più, l'apertura arriva proprio dal diretto interessato: "Per ora non so nulla e non voglio parlarne fino a quando non ci sarà qualcosa di reale. Al Napoli sto bene. Ma se resto, dipende dalla dirigenza", ha detto l'attaccante argentino a Diario Olé. E' lui, per età e per versatilità (è capace di giocare come punta esterna, ma anche a supporto di Milito ed Eto'o) la persona migliora per soddisfare il mister di Setubal. E Lavezzi, tirato in ballo, rincara la dose: "Sinceramente, è molto duro sentire certe cose dal tuo presidente, però voglio dimostrare che le cose non sono come si dice. Se avrò la possibilità di restare si capirà che la gente che parla male di me si sbaglia". Ancora, comunque, siamo nel campo delle ipotesi e non c'è nulla di concreto, nessun contatto tra le due squadre di calcio. In attesa di fare chiarezza sul suo futuro da giocatore di club, Lavezzi si consola con la riconfermata fiducia di Maradona, che lo ha convocato per i prossimi impegni della Seleccion. "Sto bene, abbiamo concluso da poco la prima parte della preparazione in vista della prossima stagione. Ho lavorato bene e spero di dimostrarlo", ha concluso il talentuoso attaccante del Napoli. Cari interisti, è lui l'uomo giusto per completare lo scacchiere?

Read More

(video gol) Calcio, risultati: il Barcellona supera i Galaxy. A segno il fischiato Beckham ma non basta




(Galaxy-Barcellona 1-2)



Stanotte, in California, si è disputata un'amichevole di lusso, e non si assisteva a tanta gente addirittura dal 1944. I Campioni d'Europa e di Spagna del Barcellona da una parte, i Galaxy di Beckham dall'altra. Finisce due a uno per la squadra di Guardiola, questi i risultati di calcio, agli americani non basta la rete siglata proprio dall'ex centrocampista milanista. Davanti agli oltre 90mila spettatori del Rose Bowl di Pasadena, i ragazzi di Pep Guardiola superano di misura, per 2-1, i Los Angeles Galaxy in amichevole. Al di là dei risultati di calcio, occorre segnalare che la vittoria, per la fortissima compagine catalana, arriva grazie alle reti messe a segno da due "giovanotti" del vivaio: Pedro Rodriguez (11') e Jeffren Suarez (67'), quest'ultimo entrato, ad inizio ripresa, al posto del fenomeno argentino Leo Messi. Una gara interessante, risolta dai due primavera, reti intervallate dal punto dell'inglese d'america. Per gli statunitensi infatti, gol del momentaneo pareggio firmato da David Beckham (45') direttamente su calcio di punizione ( il suo marchio di fabbrica), ma è stata una marcatura che si è rivelata vana alla luce poi del risultato finale che ha sorriso agli spagnoli. Anche in questa occasione, Becks, che è in aperta ostilità con i tifosi, è stato fischiato ogni ogni volta che ha toccato il pallone, sebbene il pubblico fosse in maggioranza per il Barcellona. Ora, il club spagnolo proseguirà il suo tour in America affrontando i Seattle Sounders ed i messicani del Guadalajara.
Read More

Elenco blog personale