Menu Orizzontale

Calcio, squadre: La Roma su Luca Toni. Il manager Aliberti conferma: "Possibile all'80%"

Toni e la Roma, matrimonio vicino?Ora che ha venduto (Alberto Aquilani al Liverpool per 23 milioni di euro, ndr), la Roma può tornare ad agire sul mercato. Fino a questo momento, è stata una delle squadre di calcio della Serie A più ferme (forzatamente, per questioni finanziarie) sul fronte degli acquisti. Con i soldi ricevuti dalla vendita del centrocampista, si può però aggiungere al gruppo giallorosso un bel rinforzo. Spalletti ha bisogno di un attaccante, di un centravanti che possa completare il reparto avanzato romanista e dare il ricambio necessario a Francesco Totti, il quale sarà chiamato ad un tour de force non indifferente visto che Vucinic è attualmente ai box per infortunio e Baptista è in ritardo di condizione (probabilmente il brasiliano sarà l'altro giocatore ad essere ceduto). L'ultima idea, dopo le varie ipotesi degli scorsi giorni (Negredo, Adriano etc...) arriva dal Bayern Monaco. Si parla, infatti, e sempre con più insistenza dell'ex viola Luca Toni.

Luca Toni alla Roma. Un'ipotesi affascinante, suggestiva, ma con una base di verità. Sia il Bayern che il giocatore ex Fiorentina, (le due squadre di calcio più legate al giocatore, l'attuale e quella passata,) sono stati informati circa l'interessamento della società giallorossa, come conferma a 'Romagiallorossa.com' in esclusiva Josè Alberti, procuratore dell'attaccante: "E' una situazione che si può concludere felicemente all'80 per cento. Al momento c'è solo un interessamento da parte della Roma". Ma, poi, il manager ha poi aggiunto: "Sia la società che il giocatore sono stati informati e la Roma sta aspettando una risposta da parte del Bayern Monaco. Toni avrebbe molta voglia di tornare in Italia, anche perché ha giocato il Mondiale in Germania del 2006 con Totti e questo sarebbe uno stimolo in più per lui. Vuole far ricredere chi in Germania non ha creduto in lui. Non dico con questo che è stato trattato male, ma molti non hanno creduto nelle sue qualità. Ricordiamo che in Italia è stato capocannoniere, mentre a Monaco sono state stagioni difficili. Se il Bayern lo lascerà andare per 5 milioni di euro? In queste cose non voglio entrare perché non sono questioni che mi riguardano, penso solo agli interessi del giocatore. Confermo solo che i contatti ci sono stati". Toni è la soluzione giusta per la Roma?
Read More

Calcio, Serie A: Cambiasso ko, sarà operato. Brutta tegola per l'Inter

Cambiasso sarà operato al ginocchioNon ci voleva proprio, a pochi giorni dall'inizio del campionato (esattamente una settimana). Mourinho e patron Moratti staranno maledicendo questi impegni estivi, importanti ma sicuramente forieri di problemi di questo tipo. Nella Serie A di Calcio mancherà un importante protagonista, sia per il torneo che, soprattutto, per il centrocampo dell'Inter. Infatti, il centrocampista argentino Esteban Cambiasso, infortunatosi durante la partita con la Juventus nel Trofeo Tim di Pescara (vinto per la prima volta nella storia della manifestazione proprio dai bianconeri, ndr), è stato sottoposto agli accertamenti medici da cui è risultata una lesione del menisco esterno del ginocchio destro.

Inevitabile, dunque, l'operazione per il forte mediano che, dunque, salterà la prima di campionato, in programma a Milano contro il Bari, neopromosso nel massimo torneo della Serie A di Calcio. E' previsto un intervento in artroscopia che verrà programmato nei prossimi giorni dal dottor Franco Combi, come si legge sul sito internet della società di Massimo Moratti: "Come da routine in questi casi - si legge sul sito internet dell'Inter - lo staff medico nerazzurro, guidato dal professor Franco Combi, procederà con intervento in artroscopia, da programmare nei prossimi giorni". Una brutta tegola, dunque, per Mourinho e per la squadra nerazzurra che dovrà fare a meno, per i primi impegni ufficiali, di un elemento di grande valore oltre che di personalità e grinta in mezzo al campo.
Read More

(video gol) Calcio, squadre: Sneijder, gol e lacrime con le merengues. Ora l'Inter lo aspetta a Milano


(Real Sociedad-Real Madrid)


Gli addii sono sempre difficili. Una tempesta di emozioni. Un cammino che si chiude ed uno che si apre, in un attimo. Così dovrebbe essere (usiamo ancora il condizionale) per Wesley Sneijder, galattico in predicato di passare alla corte di Mourinho. L'olandese si prepara a lasciare la Spagna e una delle squadre di calcio più gloriose, il Real Madrid e, nella notte del "calidoso" Kakà, del talentuoso Ricardo, sfodera tutta la rabbia che ha in corpo nella punizione che affonda la Real Sociedad (e che potete gustarvi nel video in home). La rete, e l'abbraccio dei compagni che lo stingono, probabilmente, per l'ultima volta. Una scena emozionante che non lascia sicuramente indifferente in un calcio moderno sempre più legato al denaro. A ore, infatti, Sneijder sarà nerazzurro e vivrà una nuova esperienza, in Italia, nella Serie A e nella squadra campione in carica. Eccolo, quindi, come richiesto da tempo, il trequartista che desiderava Mourinho: destro ad aggirare la barriera, palla in rete per il 2-0 dei blancos (di Benzema l'altro gol, ma in Spagna hanno esaltato uno strepitoso Kakà). Uno Sneijder che è sembrato piuttosto emozionato, come uno che sa di andarsene e di aver segnato l'ultimo gol con la maglia del Real Madrid e di una delle squadre di calcio costruite quest'anno per vincere tutto. Ora, l'Inter si prepara a chiudere la trattativa e, sostanzialmente, a chiudere il mercato. E' l'ultimo rinforzo chiesto dal tecnico portoghese per la sua squadra. Ora l'Inter è pronta a regalare ai tifosi nerazzurri l'ennesimo successo italiano ma, soprattutto, a tentare di portare a Milano quella Champions che manca da troppo tempo ormai...
Read More

Elenco blog personale