Menu Orizzontale

Atp Parigi: Federer vince il Roland Garros ed entra nell'Olimpo dei tennisti. Eguagliato Pete Sampras

E' tornato re Roger. Il trionfo al Roland Garros, la prima gioia parigina della sua strepitosa carriera, il 14esimo acuto che lo ha inserito tra i più grandi di sempre del tennis (ha eguagliato il record di 14 vittorie di Pete Sampras), sono alcuni dei motivi scatenanti la grande felicità a e le lacrime a fine match. Domato in finale lo svedese Robin Soderling, rivelazione di questo torneo parigino, e giustiziere del numero uno al mondo Rafael Nadal, Roger Federer è quasi in lacrime mentre ascolta l'inno svizzero ed alza la coppa dei moschettieri.

Dopo aver perso per tre anni consecutivi contro il "Signore della terra rossa", nel 2006, 2007 e 2008, questa volta ce l'ha fatta, contro un avversario (numero 23 del seeding) sicuramente più abbordabile ma comunque valido atleticamente e tecnicamente e che ha dato il massimo per mettere in difficoltà il campione di Basilea: "E' probabilmente la vittoria più bella della mia carriera - ha detto - Gli spettatori sono stati incredibili, senza di loro sarebbe stato impossibile, non so come meritarmi tutto questo. Ora non ho più pressione, perché ora non avrò più il 'dovere' di vincere a Parigi. Adesso è tempo solamente di fare festa". Grandissimo campione, è giusto celebrare qui il tuo trionfo. Sei nell'Olimpo dei tennisti...
Read More

Kakà-Real, la verità è vicina

Kakà sempre più vicino al Real MadridIl tormentone Kakà è ormai quasi giunto al suo epilogo. Se non accadranno eventi clamorosi (come fu all'epoca il blitz di Berlusconi, quando sembrava tutto fatto con il Manchester City), nelle prossime ore si saprà in maniera chiara e definitiva il destino calcistico del fuoriclasse brasiliano del Milan.

Se il numero 22 si limita a dire: "Parlerò del mio futuro presto, al momento giusto", più esplicita è invece la presenza del medico del Real a Recife, nel ritiro della nazionale verdeoro. Il dottor Juan Carlos Hernandez è sbarcato in Brasile nel ritiro della Seleçao, per sottoporre il brasiliano agli esami del caso, esami che, secondo Marca, ha superato. Insomma, è fatta? Così sembra, anche se dobbiamo restare ancora in sospeso perchè non c'è ufficialità e perchè, come abbiamo detto poco fa, il diretto interessato ha detto che parlerà, nel momento che riterrà più opportuno. E crediamo che si tratterà di parole già scritte nella visita medica del dottore spagnolo e nella logica di mercato di un grande club che non può rifiutare un'offerta così vantaggiosa, così come non può farlo il giocatore che andrebbe a guadagnare cifre strepitose (9 milioni di euro netti a stagione!) Per ora, comunque, ancora non c'è nulla di deciso in questa vicenda che è romai diventata la vera e propria soap opera di quest'estate. Anche il Premier Silvio Berlusconi, recandosi al voto alla scuola media Dante Alighieri di via Scrosati di Milano, si è intrattenuto per alcuni minuti con la folla e si è così pronunciato sulla questione: "Sentirò Riccardo al telefono domani sera. Dipendesse da me lo terrei, nulla comunque è stato ancora deciso". Insomma, Kakà è sulla via che porta a Madrid, ormai è chiaro, e a meno di clamorosi blitz ed epiloghi da film thriller, questa volta ci siamo...
Read More

Balotelli non ha pace. Prima i cori razzisti, ora le banane

Balotelli colpito da banane a RomaDapprima i cori razzisti, durante la gara di campionato tra Inter e Juventus, ora lo sfottò con le "banane". Per "Super" Mario Balotelli non c'è pace e il colored interista è vittima di un altro spiacevole episodio. Nei pressi di Ponte Milvio a Roma, il talentuoso calciatore nerazzurro, a passeggio con alcuni amici, è stato avvicinato da alcuni tifosi giallorossi che lo hanno preso di mira con cori e il lancio di due banane.

La risposta del giocatore è stata davvero "signorile": niente denuncia ai carabinieri per l'accaduto: "E' un episodio che non conta nulla". In ritiro nella capitale con gli azzurrini, era in compagnia di altri giocatori della Nazionale Under 21, tra cui Domenico Criscito e Sebastian Giovinco per prendere parte ad un evento, quando è stato vittima di alcune contestazioni da parte di un gruppo di tifosi della Roma. Episodio che trova origine nelle ruggini già avute durante la gara del Meazza, quando dopo aver segnato un calcio di rigore, Balotelli zittì il settore che ospitava i sostenitori della Roma, con il dito davanti alla bocca, assumendo un atteggiamento provocatorio e poco professionale, che trova origine nell'età ma anche nell'esasperazione dovuta a quanto gli gridavano dalla curva. Poi, come abbiamo ricordato poc'anzi, i cori razzisti, inneggiati dai tifosi della Juventus. Ora l'ennesimo episodio, protagoniste le banane. La miglior risposta l'ha data il giocatore, indifferenza, ma d'altra parte, il rispetto è il rispetto e non deve mancare mai, anche quando ci si sente al limite della sopportazione e quel gesto che riproporremo nel post non è piaciuto a nessuno nè ai tifosi della Roma, nè agli sportivi di tutta Italia che hanno apprezzato le doti del calciatore ma ancora devono capire quelle umani.
Read More

Elenco blog personale