Menu Orizzontale

Calcio, squadre: Il Chelsea insiste per Pirlo, ma il Milan non cede e si riavvicina ad Huntelaar

Tra le squadre di calcio della Serie A non è stata una di quelle protagoniste di un mercato esaltante. Parliamo del Milan che è sempre alla ricerca di una punta e tutto è abbastanza legato a doppio filo alla ipotetica cessione di Andrea Pirlo che fornirebbe i liquidi necessari per poterli poi investire sul fronte attaccanti. A tal proposito è sceso in campo direttamente, per poter fare chiarezza, Adriano Galliani.

L'amministratore delegato del Milan interviene con fermezza sulla questione riguardante il regista della Nazionale e sulle pressioni di Carletto Ancelotti per portarlo a Londra nel suo Chelsea, una delle squadre di calcio più importanti della Premier League. La proposta dei Blues (8 milioni più la cessione dell'attaccante peruviano Pizarro) è, però, ritenuta bassa dalla dirigenza rossonera: "A queste condizioni - ha ha confermato molto chiaramente Galliani - Pirlo è incedibile", smentendo, dunque, le voci della stampa britannica che vedevano già il regista del Milan a Stamford Bridge. Pirlo si allontana dall'Inghilterra, il Milan si riavvicina (dopo essersi dileguato di fronte ai 17 milioni richiesti dalgli spagnoli) a grandi passi al 26enne Klaas-Jan Huntelaar (nella foto), attaccante olandese del Real Madrid, il quale non rientra più nei piani del tecnico Pellegrini ed è quindi sul piede di partenza. Ma le difficoltà di piazzare Huntelaar altrove (rifiutate, tra le tante, Stoccarda, Tottenham e Blackburn) potrebbero portare a una semplificazione della trattativa, già facilitata dal rapporto di amicizia che intercorre tra Galliani e Florentino Perez, reso ancor più solido dopo la recente cessione di Kakà. Huntelaar è un attaccante molto interessante, olandese di nascita come Van Basten (per ora solo questo è utile per fare un paragone tra i due), con le caratteristiche adatte al gioco che ha in mente Leonardo. Ma, dopo aver visto il MIlan in amichevole la domanda sorge spontanea: Ma quale è il gioco che ha in mente?
Read More

(video gol) Calcio, risultati: La Juventus batte il Real. I veri galattici sono i ragazzi di Ferrara


(Juventus-Real Madrid 2-1. Cannavaro, Ronaldo (rig.), Salihamidzic)

E' stata una partita vera, dai ritmi e dall'agonismo da gara ufficiale, con interventi anche poco "ortodossi". Non è mancato, lo spettacolo, neanche le occasioni da rete come dimostrano i risultati di calcio finali. Alla fine dei conti e del match si è rivelata "galattica" la Signora juventina che ha battuto per due a uno il Real Madrid di Cristiano Ronaldo e compagnia bella, volando in finale di Peace Cup (dove contenderà il trofeo all'Aston Villa, vittorioso sul Porto). L'antipasto di grande calcio, che è andato in scena ieri sera a Siviglia ha mostrato chiaramente che questa Juventus è pronta per recitare un ruolo di primissimo piano sia in Italia che in Europa. Prestazione maiuscola per gli uomini di Ferrara. Al di là die risultati di di calcio è stata un mix di qualità e quantità, di forza, tattica, tecnica e voglia di fare bene, a differenza degli avversari, apparsi ancora in alto mare con una difesa a tratti imbarazzante. Sono mancati due grandi protagonisti, Kakà da una parte e Diego dall'altra, ma l'incontro ha riservato lo stesso grandi emozioni e calcio spettacolo. Ferrara può essere soddisfatto della sua Juventus, apparsa tosta, ben equilibrata e mai doma, scesa in campo con il 4-3-1-2, con Salihamidzic a sinistra quasi a uomo su Cristiano Ronaldo, Felipe Melo davanti alla difesa e Giovinco, trequartista (nel ruolo che sarà di Diego) alle spalle di Amauri e Del Piero. Dall’altra parte, Pellegrini presenta un Real competitivo con Cristiano Ronaldo, Benzema e Raul là davanti. Neanche il tempo di sedersi che la Juventus è già in vantaggio ed è la classica rete dell'ex. Punizione di Del Piero (3’), testa di Cannavaro e palla nel sacco. Una vendetta, quella del napoletano, consumata in silenzio, senza festeggiare, per rispetto agli ex compagni blancos. Il real, comunque, non si abbatte e ben preso reagisce. Buffon si oppone da campione a Guti, ma è Amauri che sfiora il gol in due occasioni, poi Chiellini stende Raul in area ed è calcio di rigore giustissimo. Ronaldo che, fino a quel momento, era stato abbastanza spettatore del match, trasforma con freddezza e permette al Real di chiudere la prima frazione sull'uno a uno. La ripresa inizia con 10 minuti di ritardo per un problema dell’arbitro svedese Johannesson, sostituito da Yefet. Passano 3 minuti e la Juventus trova di nuovo la rete che sarà quella della vittoria. Angolo delizioso di Del Piero, testa di Salihamidzic, e Dudek capitola ancora una volta. Raul scuote i suoi, ma colpisce il palo. Un legno anche per Tiago. La Juventus resiste e vola in finale, ma soprattutto dimostra ampiamente di esserci. Bravo Ciro.

RISULTATI DI CALCIO
TABELLINO
JUVENTUS: Buffon; Grygera, Cannavaro (1’st Legrottaglie), Chiellini, Salihamidzic; Camoranesi, Felipe Melo (28’st Marrone), Tiago; Giovinco (15’st Zanetti); Del Piero (23’st Iaquinta), Amauri. All.: Ciro Ferrara.
REAL MADRID: Dudek; Torres, Pepe, Metzelder, Drenthe; Lassana Diarra, Guti, Granero; Cristiano Ronaldo, Benzema (28’st Higuain), Raúl (28’st Negredo). All.: Manuel Pellegrini.
ARBITRO: Johanneson (Sve), Alon Yefet (Isr).
MARCATORI: 3′pt Cannavaro (J), 40′pt Cristiano Ronaldo (rig., RM), 4′ st Salihamidzic (J).
Read More

Elenco blog personale