Menu Orizzontale

Juventus. Ranieri chiude le polemiche con Mourinho ma avverte: "Dobbiamo vincere per accorciare"

(Ranieri e la Juventus si preparano a dar battaglia all'Inter di Mourinho)
Ranieri è pronto a sfidare l'Inter e MourinhoDavvero un altro stile, quello del tecnico bianconero Claudio Ranieri. Manca poco all'appuntamento più importante della stagione. Il derby d'Italia. Sfida di grande fascino e anche di enormi polemiche che si sono avute nel corso degli anni. Non sarà da meno anche quest'anno. In ballo c'è uno scudetto, che per tre quarti è già tinto di nerazzurro (dieci punti di vantaggio sono davvero tanti), ma quel quarto che rimane è ciò a cui si appiglia la Juventus per credere ancora nella rimonta, che avrebbe certamente del clamoroso.

Se da una parte Mourinho continua a colpire con frecciate al cianuro la società bianconera, e anche il suo capitano Del Piero, dall'altra Ranieri risponde con grande serenità e classe, dapprima facendo i complimenti al tecnico "nemico" ("E' uno dei grandi d'Europa") e poi discorrendo della grande sfida di domani: "Finalmente la gara contro l'Inter è arrivata. Può darsi che questa partita abbia distolto un po' la nostra attenzione dagli altri impegni, ma la squadra si carica per queste grandi sfide. I ragazzi li ho visti bene, lottiamo per vincere come sempre :per la classifica e per tutti noi. Lo scudetto è una chimera? L'hanno detto un po' tutti, sarei ripetitivo a ribadirlo. Dobbiamo scendere in campo come se fosse l'ultima partita. I 10 punti che ci separano dall'Inter sono tanti, un gap notevole anche perché rispetto a loro noi stiamo ricostruendo la squadra. Nei momenti meno positivi i nerazzurri hanno avuto la forza e qualità di vincere anche solo 1-0. Noi invece quando siamo in difficoltà e non giochiamo al 120% abbiamo fatto pochi punti. Ma siamo reduci da due campionati straordinari, vediamo come finiamo questo". Ecco il pensiero di Ranieri, a poche ore dal match. Una gara decisiva, in un senso o nell'altro. Accorciare le distanze o sarà la fine, questo l'imperativo in casa bianconera.
Read More

Serie A, Juventus-Inter. Le quote (risultato esatto)

Qualche utile indicazione, da Better, per gli amanti delle scommesse sul calcio, ed in particolare per coloro che vorranno provare ad indovinare il risultato esatto. Parliamo, naturalmente, dell'incontro clou del weekend calcistico in Serie A, il derby d'Italia, la supersfida tra Juventus ed Inter, che andrà in scena domani sera. Chi ha voglia di provare...?

Ecco le quote:
Juventus-Inter 1-0, quota 8.00

Juventus-Inter 2-0, quota 9.50

Juventus-Inter 2-1, quota 9.00

Juventus-Inter 3-0, quota 30.00

Juventus-Inter 3-1, quota 25.00

Juventus-Inter 3-2, quota 30.00

Juventus-Inter 4-0, quota 90.00

Juventus-Inter 4-1, quota 75.00

Juventus-Inter 4-2, quota 75.00

Juventus-Inter 4-3, quota 150.00

Juventus-Inter 0-1, quota 8.50

Juventus-Inter 0-2, quota 10.00

Juventus-Inter 1-2, quota 9.00

Juventus-Inter 0-3, quota 30.00

Juventus-Inter 1-3, quota 25.00

Juventus-Inter 2-3, quota 30.00

Juventus-Inter 0-4, quota 100.00

Juventus-Inter 1-4, quota 85.00

Juventus-Inter 2-4, quota 85.00

Juventus-Inter 3-4, quota 150.00

Juventus-Inter 0-0, quota 8.50

Juventus-Inter 1-1, quota 5.50

Juventus-Inter 2-2, quota 12.00

Juventus-Inter 3-3, quota 50.00

Juventus-Inter 4-4, quota 250.00

Juventus-Inter Altro, quota 30.00
Read More

Macedonia. L'Uefa stanga il Pobeda. 8 anni di squalifica al club per scommesse illegali

8 anni di esclusione da tutte le competizioni europee, a partire dalla prossima stagione calcistica. Questo è il verdetto dell'Uefa, duro ma giusto, nei confronti del Pobeda, squadra macedone, accusata di manipolazione di gare (preliminari della Champions 2004/2005) per scommesse illegali.

Sentenza storica. Una condanna pesante, ma alla luce dei fatti giusta, quella inflitta dall'Uefa al club macedone del Pobeda. La squadra era accusato di aver manipolato un incontro dei preliminari della Champions League 2004/05 per le scommesse illegali. L'ex capitano Nkolche Zdravevski e l'ex presidente del club Aleksandar Zabrcanec sono stati sospesi a vita per il loro coinvolgimento nella vicenda. Sotto accusa la gara tra la squadra macedone e gli armeni del Pc Pyunik. In sostanza, i due personaggi sopra citati avevano manipolato il risultato della gara disputata il 13 luglio 2004 a Prilep, in Macedonia. A passare furono gli armeni, grazie alla vittoria dell'andata (tre a uno) e al pareggio nel retour match (1-1). Per i vertici della Uefa, era tutto "truccato". In pratica il Pobeda aveva perso intenzionalmente la prima partita; inoltre è emerso che le agenzie di scommesse avevano accettato puntate di grandi somme di denaro sulla vittoria del Pyunik a Prilep. Dopo una riunione fiume, durata sette ore, è stata presa la pesante ma giustificata decisioni nei confronti del club macedone. Speriamo serva ad evitare che accadano altri casi così vergognosi in futuro.
Read More

Inter. Mourinho: "Meritiamo lo scudetto"

(Mourinho all'attacco, a poche ore dal match con la Juventus)
Mourinho parla poche ore prima del match con la JuventusE' tornato a parlare e lo ha fatto come al suo solito, distribuendo velenose battute verso tutto e tutti. Josè Mourinho parla della supersfida di domani sera, che vedrà i nerazzurri impegnati contro la Juventus, e respinge ogni assalto dei bianconeri ad un titolo che il tecnico portoghese sente già in tasca.

"Possiamo giocare per due risultati? Sì, forse sì, ma a me il pareggio non interessa". E' così che Mourinho prepara la sfida di domani sera. Si punta decisi alla vittoria, in casa interista, senza fare calcoli, senza "accontentarsi" di un pari, ma cercando invece un successo che chiuderebbe definitivamente la pratica scudetto. Dieci punti sono un vantaggio consistente sull'undici di Ranieri, ma il portoghese vuole con fermezza i tre punti: "E' una partita importante, che ha una grande storia alle spalle, e il mio desiderio è quello di vincere. Ma attenzione, anche con i tre punti in tasca non mi sentirei ancora campione d'Italia". Il monologo dello "Special One", partito alla grande come al solito, prosegue con lo stesso fervore e assistiamo all'ennesima manifestazione di potenza: "Per la Juve sarà difficile portarci via questo scudetto. Siamo primi perché siamo stati più forti degli altri. L'Inter merita di vincere il campionato". E, come condottiero dei "più forti", il tecnico di Setubal ne ha anche per il capitano juventino Del Piero, il quale ha affermato, oltre che ad essere orgoglioso del proprio club, di non invidiare nulla ai nerazzurri: "Dovrebbe invidiare l'Inter per i 10 punti di vantaggio. Sono numeri che non si possono commentare. Se parla del suo passato, ha ragione: alla Juve ha fatto tutto, anche se purtroppo non ha vinto il Pallone d'oro". Dopo qaver colpito Pinturicchio, il portoghese si sofferma, a conclusione dell'intervista, sulla gara dell'andata (vinta per uno a zero dall'Inter, rete di Muntari ndr) e anche in questo caso le parole escono come un fiume in piena: "All'andata ho visto una gioia particolare. Prima pensavo che la partita con il Milan fosse quella più emozionante. Poi ho capito che nelle gare tra Inter e Juve c'è qualcosa in più. Io però non sono nato e cresciuto nella rivalità tra queste due squadre, non è la mia cultura. Per me, è una partita di campionato e la affronto con la consueta tranquillità e con il solito equilibrio".
I convocati di Mourinho sono 21: Si tratta di Toldo, Julio Cesar, Orlandoni, Cordoba, Maxwell, Burdisso, Materazzi, Samuel, Chivu, Santon, Zanetti, Stankovic, Figo, Vieira, Cambiasso, Muntari, Ibrahimovic, Cruz, Crespo, Obinna e Balotelli.
Read More

(video) Madjeski Stadium: Tifosa si spoglia e vola in mezzo al campo. Scommessa persa?


(Ecco il video dello strip)

Via la maglietta, via il resto, e sotto gli occhi esterrefatti (ma compiaciuti) degli spettatori del Madjeski Stadium, la ragazza "vola" in mezzo al campo, interrompendo, per qualche istante, la partita di rugby dei London Irish. Senza preavviso la tifosa ha iniziato lo strip e poi si è lanciata in una corsa impazzita sul prato dell'impianto londinese tra le risate del pubblico, soddisfatto per l'inaspettato show della bella bionda. Una scommessa persa? Non ne siamo a conoscenza, ma certamente è stato un simpatico siparietto.
Read More

(video) Beckham nei panni di un sexy Terminator


(Beckham nei panni di Terminator)

Ecco il Terminator del nuovo millennio. A interpretarlo, in versione sexy, nel video realizzato per una marca di cellulari, è il centrocampista inglese del Milan, David Beckham. Da calciatore a uomo bionico. Ecco l'ultima trovata pubblicitaria che ha trovato il parere favorevole del campione milanista. E' interessante mettere in evidenza le connotazioni che hanno portato a questa realizzazione grafica: la luce metallica evidenzia il torso nudo, e un gioco fotografico mostra in trasparenza il suo scheletro nella parte destra del corpo. L'occhio sostituito da un laser fa il resto. Non è Arnold Schwarzenegger, non è l'ennesima puntata della serie cinematografica che ha spopolato in tutto il mondo, ma anche questo video avrà il suo "effetto speciale"...sicuramente.
Read More

Calcio. Juventus-Inter a Farina. A lui il derby d'Italia

(Stefano Farina arbitrerà il derby d'Italia)
Farina sarà l'arbitro di Juventus-InterSarà Stefano Farina, della sezione di Novi Ligure, il fichietto chiamato a dirigere il "match of the year" tra le due regine di questo campionato, Juventus e Inter, che andrà in scena domani sera all'Olimpico di Torino.




Ecco le designazioni arbitrali per la 32.a giornata di Serie A:

Atalanta-Reggina: Rizzoli
Cagliari-Napoli: Celi
Catania-Sampdoria: Velotto
Genoa-Lazio: Saccani
Juventus-Inter: Farina
Milan-Torino: Banti
Palermo-Bologna: Brighi
Roma-Lecce: Mazzoleni
Siena-Chievo: Rosetti
Udinese-Fiorentina: Bergonzi
Read More

Juventus. Del Piero a SportWeek: "Orgoglioso della mia Juve, all'Inter non invidio niente"

(Alessandro Del Piero è orgoglioso della Juventus)
Del Piero carica la JuventusFiero dei propri colori, orgoglioso di essere bianconero. Alessandro Del Piero si confessa "innamorato" della Juventus a SportWeek (che gli dedica la settima copertina, un piccolo record per il calciatore juventino ndr) e non invidia nulla alle altre squadre, soprattutto all'Inter. E' in arrivo il match dell'anno, quello preannunciato da Mourinho ("e il giorno verrà"), i punti di distacco sono tanti (dieci) ma il capitano non si preoccupa di questo, bensì di finire alla grande questi ultimi mesi. Lui è pronto, come sempre, a dare tutto per la sua Juventus.

"Il mio contratto scade nel 2010, e ora come ora preferisco tenere chiusi certi scenari. Sono molto concentrato sui tre mesi che restano alla fine della stagione, tre mesi importantissimi per me e per la Juve. Li vivo come se fossero gli ultimi. È questo il mio modo di affrontare il calcio". Ecco Alessandro Del Piero. Parole da capitano vero, da bandiera (una delle poche rimaste in Italia) e da professionista serio che non pensa a cosa sarà, ma a cosa è nell'immediato. Tra pochi giorni ci sarà la gara più attesa, quella contro la corazzata nerazzurra di Josè Mourinho
, un match da vincere, se non per lo scudetto, sicuramente per l'orgoglio e per l'onore. Ma non solo, c'è anche un secondo posto da difendere, soprattutto da un battagliero Milan che insegue la compagine juventina e crede nella possibilità di acciuffarla. Insomma, sono molti i motivi per i quali occorre non abbassare la guardia, ma anzi rimanere concentrati fino al fischio finale di una stagione davvero impegnativa. La chiusura dell'intervista è di grande orgoglio per la propria vita in bianconero. Non ci sono rammarichi, e non c'è invidia nei confronti dell'Inter: "Non invidio niente a loro. Sono orgoglioso dei miei anni in bianconero, compresi gli ultimi, i più difficili. E so che tutto quello che di buono abbiamo fatto di recente, lo abbiamo fatto a cento all’ora". Un grande capitano.
Read More

Elenco blog personale