Menu Orizzontale

Calcio, squadre: Vucinic pronto al sacrificio: "Via per il bene della Roma"

Vucinic pronto al sacrificio per il bene della RomaDa voce sta diventando, sempre più, una solida realtà, dolorosa ma necessaria per il bene della società giallorossa che ha bisogno assoluto di denaro liquido per poter rafforzare una delle squadre di calcio più importanti del panorama calcistico italiano ed internazionale. Il primo obiettivo è quello di evitare la stagione appena trascorsa, infelice sotto tanti punti di vista. Non ci sarà la Champions, ma l'Europa League, e questo naturalmente scoraggia i giocatori ad arrivare, così come quelli che ci sono, a restare, ma bisogna pensare a lavorare, e a trovare giocatori motivati che possano fare solamente il bene della squadra di calcio romanista. Il tecnico romanista, Luciano Spalletti aveva già annunciato, qualche giorno fà, che ci sarebbe stata qualche cessione, ora è lo stesso calciatore montenegrino Mirko Vucinic, attaccante di grandissimo talento ma poca continuità, almeno per quanto riguarda l'avventura finora trascorsa all'ombra del Cupolone, ma soprattutto indiziato numero uno ad abbandonare la capitale, ad annunciare il "sacrificio" per poter aiutare la squadra alla quale è tanto attaccato: "Per il bene della Roma potrei andare via": queste le parole, secce e precise, che risuonano dal ritiro giallorosso di Riscone di Brunico e che, naturalmente, non faranno piacere ai tanti tifosi giallorossi innamorati del giocatore e delle sue prodezze.

Per fare cassa, dunque, ci sarà sicuramente qualche sacrificio in casa romanista. Il primo sulla lista è proprio l'attaccante slavo, il quale sarà, quasi sicuramente la pedina che verrà ceduta alle squadre di calcio interessate per poter ottenere il denaro utile poi ad essere reinvestito sul mercato per trovare qualcuno che possa rinforzare la squadra giallorossa: "Ho firmato il rinnovo da poco e mi dispiacerebbe andar via. Ma per il bene della Roma potrei farlo, anche se per ora non ci sono state richieste. Se dovessero arrivare, ne parleremo con i dirigenti.
Read More

Calcio, squadre: Ferrara promuove la Juventus: "Lotteremo per il vertice". E chiama Nedved nello staff

Ferrara promuove la Juventus e aspetta NedvedLa stagione della Juventus è iniziata, oggi c'è stata anche la presentazione, con annesse visite mediche, dell'ultimo colpo di mercato, il giovane nazionale brasiliano, proveniente dalla Fiorentina, Felipe Melo (entusiasta dell'avventura che sta per vivere e soprattutto molto fiducioso: "Se si lavora, la Juventus può vincere tutto", queste le prime parole in bianconero del centrocampista). Il condottiero di questa Signora che sta lavorando per tornare a primeggiare, tra le grandi squadre di calcio che affollano l'Italia e in Europa, Ciro Ferrara, promuove a pieni voti l'operato della società e lascia intendere che i discorsi non sono chiusi per quanto riguarda il mercato: "Qualche altra operazione andrà fatta in uscita. Non è detto che il mercato in entrata sia terminato, ma bisogna cedere qualcuno".

Insomma, ci sarà qualche situazione da definire, a livello di mercato, ma le idee del tecnico sono chiare. Infatti, Ciro già sa su chi puntare: "Se restasse sarei molto contento, per noi è molto importante", questo il pensiero dell'ex bandiera bianconera sul cannoniere franco-argentino, David Trezeguet, dato in partenza da tempo. Ferrara sarebbe felice che il giocatore restasse a Torino, ma le squadre di calcio interessate all'esperto centravanti non mancano e sarà davvero dura trattenerlo. Infine, due parole su Nedved: "E' felice di questa possibilitàche gli stiamo dando e credo possa concretizzarsi". Un'altra vita, per il centrocampista, nel mondo del calcio. Squadre interessate, come sempre, permettendo. Ci si riferisce, in sostanza, all'offerta di lavorare nell'area tecnica della Juventus, annunciata a Sky qualche giorno fa dal presidente bianconero Cobolli Gigli. Per il ceko, appesi gli scarpini al chiodo, potrebbe davvero essere l'inizio di una nuova avventura, ma sempre dalle parti della Mole, dove è stato a lungo, e dove ha dato e ricevuto molto dal popolo bianconero.
Read More

Calcio, Beckham è deciso: "Voglio il Milan e i Mondiali"

Beckham è tornato ai Galaxy ma sogna il MilanE' tornato a Los Angeles. Dopo l'esperienza, felice e positiva, trascorsa a Milano, con i rossoneri, l'esperto centrocampista inglese David Beckham si è ricongiunto con i compagni americani ai Galaxy (per disputare la seconda parte del campionato di soccer stanutinense, la Mls) ma il pensiero è rimasto ancorato all'Italia e alla squadra milanese che lo ha subito accolto e trattato come un figlio, così come lo hanno subito amato i tifosi milanisti.

C'è voglia di tornare al Milan, c'è voglia di continuare a vivere quei bellissimi momenti passati nel nostro paese e nel nostro campionato, ma soprattutto c'è la smania di giocare e farsi notare per convincere il tecnico dell'Inghilterra, Fabio Capello, a convocarlo per i Mondiali sudafricani, in programma la prossima estate. Il britannico, dunque, apre le porte per un ritorno al Milan: "Sarebbe una soluzione perfetta". Il centrocampista inglese, dopo sei mesi passati in Italia, e' tornato ad allenarsi con i Los Angeles Galaxy, i quali sono attesi da un intenso programma di allenamenti. Insomma, ci sarà da correre e da faticare. Giovedi', gli uomini di Bruce Arena scenderanno in campo contro i New York Red Bulls (il capitano sarà Donovan, con il quale lo Spice Boy ha avuto in battibecco nei giorni scorsi) prima dell'amichevole, proprio contro il Milan, in programma domenica prossima e nella quale si rivedrà proprio Becks. L'inglese sa bene che questa seconda avventura negli States è solamente una parentesi prima di tornare in Europa e cercare di conquistare un posto per il Mondiale del 2010, ma dove troverà alloggio? Proprio al Milan?: "Ho un paio di mesi per pensare a cosa fare, ma spero di tornare al Milan, sarebbe la soluzione perfetta. In ogni caso farò tutto il possibile per far parte della nazionale inglese che parteciperà ai prossimi Mondiali", ha dichiarato il centrocampista britannico sulle pagine del Sun.
Read More

Calcio, squadre: Ferguson chiude il mercato del Manchester: "I nostri affari sono finiti"

Ferguson chiude il mercato del ManchesterIl Manchester va bene così, è tra le più complete come squadre di calcio, nella Premier. Ad affermarlo con estrema chiarezza è il 68enne Sir Alex Ferguson, il mister più titolato del calcio europeo (33 titoli tra nazionali ed internazionali), ma soprattutto il condottiero dei Red Devils dal 1986. Il mercato dei Diavoli Rossi è chiuso, squadre di calcio del calibro del Manchester hanno risorse infinite e dunque non si tenterà nessuna pazzia per i vari Ibrahimovic, Ribery e Villa, obiettivi dichiarati della fortissima squadra britannica.

Dopo gli arrivi di Owen, Valencia ed Obertan e le partenze di Ronaldo (che sarà una delle stelle del Real Madrid) e Tevez (ceduto al Manchester City), gli inglesi non effettueranno altri movimenti per arricchire il gruppo a disposizione: "I nostri affari sono finiti - queste le parole del manager scozzese - dimenticatevi tutte le voci sui giocatori che si suppone vorremmo prendere. Le cifre che ballano sono completamente folli". Il tecnico ha poi aggiunto: "Ci sono cifre in giro che non sono realistiche - avverte -. Io credo di avere una buona squadra, il che significa che non c'è bisogno di reazioni istintive. Avevamo chiesto di Benzema, lo avevamo valutato una certa cifra e il Lione ha fatto bene a venderlo per 42 milioni di euro anche se penso che la nostra valutazione era sensata". Sfumato l'algerino, finito al Real Madrid, Ferguson chiude il mercato di una delle squadre di calcio più titolate in Inghilterra e si dice pronto a puntare per la prossima stagione anche sui talenti di Wellbeck e del romano Macheda (strigliato in questi giorni dal coach per essere rientrato tardi a casa dopo una notte in disco), "sono entrambi giovani e i giovani di qualità hanno sempre una chance qui", afferma lo scozzese, convinto soprattutto che i gol di Owen faranno presto dimenticare quelli di Tevez. "La sua esperienza è fondamentale - aggiunge -. Non ci sono dubbi che segnerà tantissimi gol per noi".
Read More

Elenco blog personale