Menu Orizzontale

2 febbraio 2010

Calcio, Giudice sportivo: Sedici squalificati in Serie A. Un turno a Mihajlovic

Anche questa settimana, spazio alle squalifiche decise, sulla base dei referti arbitrali, dal giudice sportivo Tosel, e che riguardano la Serie A.
Sono 16 i calciatori fermati, tutti per un turno, in relazione alla 3° giornata di ritorno. Stop anche per il tecnico del Catania, il serbo Mihajlovic (nella foto a lato).

La Juventus continua nel momentaccio, anche sul piano delle squalifiche. Infatti, i bianconeri dovranno fare a meno del gigante maliano Sissoko, che da poco ha ripreso in mano le redini del centrocampo, e di Grygera, stoppati entrambi per una giornata dalla giustizia sportiva.
Male anche il Palermo che, per la prossima gara, dovrà fare a meno di due pedine fondamentali nello scacchiere di Delio Rossi. Fermati, infatti, il centrale difensivo Bovo e il regista di centrocampo ed ex bianoceleste, Liverani.
Passando dai protagonisti in mezzo al campo, ai condottieri in panchina, turno di stop anche per il tecnico del Catania, Sinisa Mihajlovic, "per essere entrato indebitamente, al termine della gara, nello spogliatoio arbitrale, assumendo un atteggiamento provocatorio nei confronti del Direttore di gara".

Ecco l'elenco completo dei giocatori squalificati:
Cossu (Cagliari),
Liverani, Bovo (Palermo),
Padalino (Sampdoria),
Almiron (Bari),
Aronica (Napoli),
Burdisso (Roma),
Criscito (Genoa),
Felipe (Fiorentina),
Grygera, Sissoko (Juventus),
Guarente (Atalanta),
Rivas (Livorno),
Rosi (Siena),
Sanchez, Zapata (Udinese).

Le multe:
Napoli (20.000 euro anche per l'uso delle luci laser), Bari e Catania (5.000 euro), Cagliari e Juventus (4.000 euro), Atalanta (2.500 euro) e Milan (2.000 euro).

0 commenti:

Posta un commento

Elenco blog personale